Amiciperlabici

Gruppo di amici ciclisti tifosi viola E’ con immenso piacere che in occasione del mio 35 compleanno presso il famoso circolino di Ponte a Greve vi possa presentare il nuovo gruppo ciclistico ” AMICI PER LA BICI – FIRENZE”.

Questo gruppo e’ composto da tutti voi amici ciclisti e non, bette e nani compresi. Ha la volonta’ di cementare la nostra AMICIZIA creando un punto d’incontro non fisico ma on line (come l’Enri) dove scambiarsi idee, commenti sulla VIOLA e non solo e dove progettare e programmare le nostre scorribande in bici. Ebbene Sì, proprio qui in via Pisana 996 in GREVE’S BRIDGE sarà la nostra sede, il luogo in cui gia’ ci riuniamo per simpatiche cene, per vedere le partite di una FIORENTINA sempre piu’ da Champions, e da dove noi ciclisti partiamo per il consueto allenamento settimanale. Inoltre, sempre qui, sara’ allestito il GREVE’S LAB dove grazie ai potenti ed innovativi mezzi tecnologici d’allenamento potrete misurare e migliorare il vostro stato di forma. Il REALAXIOM, incredibile simulatore ciclistico, con il suo test incrementale (TEST CONCONI) potra’ verificare puntualmente il vostro livello d’allenamento. Ma un gruppo di amici ciclisti che si rispetti deve avere necessariamente una propria maglia….. ed è così che ho pensato di realizzarla. Ho pensato che sarebbe stato troppo bello uscire tutti insieme in bici con la stessa maglia, per incutere timore reverenziale agli altri ciclisti che pensano….”oh …. ma questi sono chi sono?!? sono un bel gruppo…… vanno forte!!”, ma soprattutto…. “…. sono di Firenze! e sono dei Viola!!!. Essere orgogliosi di poter portare con noi in cima alle vette piu’ alte d’Italia e perche’ no d’Europa i colori ed il giglio della nostra amata citta’ FIRENZE. Qui mi scuso per chi tra noi forse non e’ un viola vero ma spero comunque che ami Firenze e che voglia sentirsi parte, questo sì, di un gruppo di amici veri. Nella speranza che questa mia idea, forse pazza, vi piaccia, vi invito tutti quanti a tenere VIVO il nostro sito con commenti, proposte, sondaggi, racconti, foto e video che ci riguardano e parlano dei nostri interessi comuni

La finalita’ di tutto questo è semplicemente :

SENTIRSI UN VERO GRUPPO DI AMICI DAVVERO FORTE ………………………. IN TUTTI I SENSI!

19/06/2016

IL TRITTICO DEL SERRA E SENTIRSI DEI VERI GRIMPERS!

Domenica 12 Giugno gli Amiciperlabici Fullcarbon, Patrikke, Doc e Trottolino si sono presentati a Calci per il cicloraduno Il Trittico del Serra.team apb

Un evento ormai giunto alla sua X° edizione che riscuote sempre una grande affluenza di ciclo amatori per la sua ottima organizzazione e per la voglia di tutti noi ciclisti nel confrontarsi su di un impegnativo percorso di soli 70 km ma con un dislivello importante di ben 2400 mt visto che bisogna scalare in successione tutti e tre i versanti, Calci, S.Andrea e Buti, il famigerato Monte Serra teatro di importanti gare ciclistiche toscane e non solo.

Sbrigate quindi di buon mattino le pratiche d’iscrizione nella piazza del comune di Calci, partiamo alla francese per la conquista del primo Gpm posto sulla sommità del Monte Serra davanti al cancello alle antenne Rai. La salita si fa sin dai primi km impegnativa costeggiando il torrente Zambra, poi inizia con una serie di tornanti ad arrampicarsi sul monte con pendenze vicino al 10% ma lasciando una vista sulla pianura pisana davvero bella, e se non fosse per l’abbondante nuvolosità, si potrebbe in lontananza ammirare anche il mare.

Infatti volgendo lo sguardo all’insù, la vetta del Serra si presenta ancor più minacciosa dal grigio intenso dei bassi nuvoloni. Così col timore di poter affrontare anche un improvviso temporale, Fullcarbon e Patrikke giungono al Gpm di buon passo ma senza mai forzare l’andatura.

Il Giudice di Gara, quindi, timbra la nostra prima ascesa ed assieme a Doc e Trottolino scendiamo fino a S.Andrea con cautela visto che in alcuni tratti l’asfatto nel sottobosco appare scivoloso.

Appena il tempo di toglierci le mantelline e ripartiamo per la seconda ascesa, considerata la più impegnativa per le sue pendenze in doppia cifra. Anche qua, pedalando ognuno col proprio passo, dopo alcuni km Trottolino prima e Doc poi si staccano dalla coppia Fullcarbon – Patrikke.

Ma poco dopo il Presidente, galvanizzato dalla scritta sull’asfalto “Vai President” stacca Patrikke e procede in solitaria recuperando anche su molti altri ciclisti partiti prima. Quasi in cima, dopo che la strada resta sempre dentro il bosco si apre al panorama sottostante e, l’irrefrenabile voglia di immortalare l’affascinante visuale ha la meglio.

Questa sosta permette a Patrikke di rientrare e concludere insieme fino alla vetta per il secondo timbro di convalida.

Così prima di affrontare l’ultimo versante, ci rifocilliamo tutti insieme al ricco ristoro allestito dall’organizzazione.

Scendiamo quindi a Buti e ripartiamo immediatamente per la conquista del Brevetto “Il Trittico del Serra”. Già dalle prime pedalate, le gambe appaiono per tutti decisamente più affaticate e il versante, che veniva considerato il più abbordabile, diventa improvvisamente un bel ostacolo da superare.

Fullcarbon dimostra comunque di avere la migliore condizione e, non senza fatica, giunge per la terza ed ultima volta sulla vetta del Serra in solitaria. Dopo qualche minuto arriva Patrikke che ammette di aver sofferto più del normale a circa metà salita e poco dopo ecco anche Doc e Trottolino, visibilmente soddisfatti per la propria impresa.

Perché di questo si tratta, di una bella giornata di sport, organizzata in maniera eccezionale dal Team “Il Trittico del Serra”, che ci ha permesso di godere appieno delle belle e panoramiche strade del monte pisano e di sentirci almeno per un giorno dei veri Grimpers con tanto di diploma.



The Pres.

Trittico del Serra 19/06/2016

Trittico del Serra

[05/15/16]   QUELL'IRRESISTIBILE RICHIAMO DELL'ISOLA D'ELBA

Sabato 7 Maggio a distanza di 4 anni gli Amiciperlabici ritornano sull’isola d’Elba più motivati che mai per rivivere quelle indimenticabili emozioni.

Così a furor di popolo il Presidente degli APB ha condotto fino a Piombino la carovana viola per una trasferta “Just One Day”. Una nuova formula tutta da sperimentare ma che a fine giornata si rivelerà vincente.

Il richiamo dell’Elba è stato irresistibile, ben 18 partecipanti con la presenza anche della new entry Trottolino alla sua prima uscita ufficiale APB e del suo amico viareggino Beppe subito ribattezzato da noi, Faruk.

Imbarcati quindi sul traghetto, la numerosa e chiassosa banda viola certamente non è passata inosservata, e dopo foto e selfie sul ponte della nave da cui, vista la splendida giornata e il vento che sapeva di mare, già si poteva iniziare a pregustarci le belle sensazioni che ci avrebbe potuto regalare questa meravigliosa isola toscana.

A sorpresa l’eclettico Messimo inscena una divertentissima premiazione con incredibili trofei che ha consegnato ai rispettivi vincitori: Fullcarbon premiato con una coppetta d’oro come campione d’inverno per i troppi km percorsi in bicicletta, Sempronio ed il Gelataio premiati con una favolosa medaglia di sughero visto che si allenano tanto ma non salgono mai sul podio, Tizio premiato con dei tappi per orecchi perché si arrabbia tantissimo quando glieli toccano mentre pedala in bicicletta, Patrikke con un bambolottino con gamba ingessata per il suo recente infortunio al piede e il Doc con una bella carota dato che ha sempre bisogno di nuovi stimoli per migliorarsi.

Veramente un momento esilarante dove ci siamo piegati in due dalle risate e dove è venuto fuori al 100% il nostro essere scherzosi ma non troppo permalosi.

Arrivati a Portoferraio, ancora il tempo per una foto di gruppo dopo lo sbarco e poi via subito a pedalare per iniziare il nostro ciclo tour dell’Elba.

L’entusiasmo dei primi chilometri è ovviamente alle stelle, il percorso è agevole, l’atmosfera dell’isola è elettrizzante e quindi non curanti del traffico invadiamo tutta la carreggiata a discapito degli automobilisti elbani decisamente incacchiati.

Tutti in gruppo per una ventina di chilometri fino all’attacco della prima salita dove Sempronio parte veramente forte insieme a Norx ed il piemontese Stee, sceso in Toscana appositamente per questo giro speciale. Ma la condizione atletica non è ancora al top e a metà ascesa vengono superati dal Conte, grande conoscitore di queste strade, e da Fullcarbon che cerca di stargli a ruota.

Così fino al Gpm dove prova a rientrare il tenace Stee ma senza grande successo. Poco dopo arrivano un po’ tutti alla spicciolata con una brillante prova del Trippa che riuscendo a mettere dietro Messimo, lancia un leitmotiv di giornata: “Berto….e ti fò i’cculoooo!”

Decisamente un po’ più attardato solo il nuovo ospite, “Faruk”, che nonostante tutte le difficoltà non si darà mai per vinto per tutto il giro e pur con i suoi tempi è comunque riuscito a concludere la sua prova.

Quindi discesa e poi nuovamente su per la bella strada panoramica che porta al paese di Sant’Ilario e poi in cima al Monte Perone. Una salita che è stata croce e delizia un po’ per tutti. Un tratto di strada decisamente impegnativo ma che ci ha regalato delle emozioni incredibili soprattutto nei primi chilometri essendo più pedalabili, con i suoi fantastici scorci sulla costa che misti agli intensi profumi della macchia mediterranea rendeva il tutto unico, piacevole ed impareggiabile.

Ma ad un certo punto si prende il bivio a sx, direzione Monte Perone, la strada inizia ad inerpicarsi e la faccenda si fa dura…molto dura con pendenze sempre a due cifre e punte fino al 20%.

Ma ognuno di noi, spinto dalle proprie motivazioni personali, tira fuori il meglio di sé, e non senza difficoltà, giunge ai 650 mt di altitudine, il punto carrabile più alto dell’isola d’Elba. Ovviamente grande la prestazione del Conte non lascia adito a repliche, staccando di qualche minuto Stee che si riprende nel finale quando la strada spiana difendendosi dal ritorno di Fullcarbon, partito decisamente in ritardo per aver atteso che gli ultimi del gruppo imboccassero il bivio giusto. Quindi bene un po’ tutti, anche i meno allenati come il rientrante Messimo, che sfodera una gran bella prestazione lasciando dietro anche coloro che quest’anno sono riusciti a fare molti più chilometri in bicicletta di lui.

Le foto sul Gpm si sprecano anche miste a qualche velata polemica per la durezza della salita ma, passata la prima stanchezza, cresce in ognuno di noi solo la consapevolezza di aver superato una grande difficoltà e di aver fatto una propria piccola impresa.

Stanchi ma affatto mai domi ci lanciamo in una lunga e tortuosa discesa tutta nel bosco verso Marciana per poi proseguire il tour lungo la costiera elbana.

Qua, nonostante il forte vento, veniamo colpiti da una vera ondata di magnifiche emozioni. La vista estesa del mare dai colori del blu intenso fino a tutta la scala degli azzurri e dei verdi sotto costa dove la limpidezza dell’acqua è una cosa sorprendente che ci cattura continuamente lo sguardo e almeno una sosta da un view point è d’obbligo.

La fame inizia a farsi sentire anche perché sono già le prime ore del pomeriggio e nonostante avessimo fatto solo una cinquantina di km ci fermiamo ad un bar di Chiessi per il ristoro.

Con panini e birra a go-go al sole e riparati dal vento si sta veramente come ragni e un principio d’abbiocco è inevitabile. L’allegria e il chiasso del nostro gruppo viola è strabordante e dà vita ad un sabato fuori stagione di estrema tranquillità sia al bar che al paese intero.

Così dopo la lunga sosta, non senza difficoltà, ci rimettiamo in sella per completare il giro e riprendere in tempo il traghetto. Continuiamo quindi per la strada lungo costa nel suo continuo sali scendi fino ad arrivare a Punta Fetovaia dove una fermata per ammirare gli incredibili colori della baia e scattare memorabili foto di gruppo è stato inevitabile.

Proseguendo il percorso, solo il tempo di giungere a Marciana Marina per una breve giratina davanti al porticciolo e alla torre Locman e poi, via fino a Portoferraio per l’ultima salitella di giornata dove nonostante tutto viene fuori ancora una volta la voglia di confronto tra gli APB e la bagarre è di scena. Non solo nel gruppetto davanti con Fullcarbon che prova un’azione di forza e riesce a staccare Stee, Patrikke e Sempronio giungendo in solitaria a Portoferraio, ma anche nelle retrovie dove ancora una volta Messimo sorprende tutti mettendoli alla frusta e regolandoli di giustezza.

Finalmente a Portoferraio, vista la bella giornata di sole, non manca la voglia di percorrere alcune strade del centro storico adiacente al porto turistico per alcuni, salire fino alla Rocca per un momento di curturale ma anche per scattare altre meravigliose foto per altri, e poi alla fine, tutti al bar davanti il molo del traghetto per un ultimo brindisi a questa meravigliosa girata.

Saliti sul traghetto che ci avrebbe riportato a Piombino le facce sono stanche ma estremamente soddisfatte e non si rinuncia mai a scherzare ancora insieme alla moglie e figlia di Tizio che si sono godute la bella giornata sull’isola noleggiando una simpatica punto cabrio di colore giallo.

A Piombino l’avventura degli APB non è ancora affatto finita perché dopo una bella doccia, ospiti di Tizio al campeggio Continental di Donoratico, tutti, ad eccezione di Stee che doveva rientrare ad Asti, siamo andati a cena per una ricca, gustosa ed abbondante cena di pesce da Ciro.

Anche qui momenti fantastici tra proposte, programmi e giri futuri perché dopo una giornata così intensa di emozioni la voglia di stare insieme e fare altre bellissime pedalate come questa proprio mette tutti d’accordo e totalmente in secondo piano la stanchezza o le difficoltà delle salite.

E poi le conosciamo bene le nostre boccucce fameliche, a tavola smetton tutte di bubare e si danno ben da fare nel gustare i piatti che ci portano in continuazione, tra antipasti, primi e dolce (e anche du fette di prosciutto) è stato veramente duro poi rientrare a Firenze.

Il richiamo dell’isola d’Elba ha colpito nel segno ancora una volta e chissà quanto altro tempo passerà prima che gli APB ci ritornino? …penso davvero poco!

The Pres.

13/05/2016

Gli APB cambian pelle ...ma son sempre più viola!

Eccola qua! Finalmente è pronta la nuova divisa Amiciperlabici!

Dopo 6 anni cambiamo pelle, ma restiamo sempre gli stessi... sempre più viola e con un grande giglio rosso sul cuore!

Questi sono i nostri simboli, questo ci rappresenta veramente e lo vogliamo comunicare al mondo intero in modo semplice e chiaro!

Per Noi non ci sono mode passeggere, tinte nere o colori fluo di tendenza. Siamo e resteremo sempre fedeli al colore Viola e al unico simbolo della nostra città e della squadra del cuore: il Giglio!

Ma alla tradizione e alla fedeltà abbiamo aggiunto dei fondamentali elementi innovativi.

Un nuovo tessuto tecnico ultra leggero e traspirante con dei nuovi terminali elastici, scritte e grafiche in rilievo con effetto metallico, e l’evidente nostra sigla APB, oramai marchio inequivocabile degli Amiciperlabici Firenze.

Ma non per questo meno importante, anzi tutt’altro, bisogna annunciare che la nuova maglia degli APB sarà portatrice di un grande e bellissimo messaggio con il simbolo: “TOTTA X TUTTI”.

L’associazione TOTTA x TUTTI, fondata da Carlotta Filardi che nasce proprio dal desiderio di dimostrare al mondo quanta vita può esserci oltre un tumore. Per dare forza a chi non ne ha in un momento di sofferenza, creare un aiuto concreto per trasformare la debolezza in energia, per affrontare insieme la battaglia più difficile. Questo è l’impegno che l’associazione si è data perché la vita di ognuno è un grande valore da proteggere, e studia progetti concreti per migliorare la legislazione a tutela dei malati oncologici, la loro condizione sociale, creando strumenti specifici di sostegno psicologico e ricreativo.

Abbiamo quindi immediatamente colto l’invito e il suggerimento di una magnifica persona che si chiama Giulia Degl’Innocenti, che da più di un anno ci sta dimostrando il suo grande coraggio e la sua incredibile determinazione nell’affrontare la terribile battaglia contro il cancro.

Una forza d’animo che noi APB ci sogniamo d’avere e per questo la ammiriamo e le vogliamo un gran bene, così come ci sentiamo vicini anche a tutti i nostri amici, amiche e parenti che stanno affrontando la loro salita più dura che il percorso della vita gli ha presentato, ma anche i tutti i nostri cari che purtroppo non ce l’hanno fatta ma non per questo si sono comunque mai arresi dandoci la più grande lezione di vita.

Per questo loro grande insegnamento di vita, il nostro piccolo contributo di portare sempre con noi un loro simbolo di speranza .

Perché si sa… il dolore condiviso si dimezza…la gioia condivisa si moltiplica! E questo può renderci tutti invincibili…e allora come dice il motto sulle nuove maglie degli Amiciperlabici 3.0:

Forza e Cuore …e nostra sarà sempre la vittoria!

o così come recita il motto di Carlotta:

Never Give Up – Non Mollare Mai!



The Pres.

p.s Dai Dai Dai!

09/05/2016

Amiciperlabici's cover photo

ELBA ONE JUST A DAY 09/05/2016

ELBA ONE JUST A DAY

01/05/2016

TRA CURTURALE E VERDI PAESAGGI:
LA VAL DI MERSE CI GARBA PARECCHIO

Dopo due interminabili e noiosissimi giorni chiusi in casa a causa delle battenti pioggie atlantiche, sono bastate delle previsioni un pò più clementi a far decidere gli Amiciperlabici di partire subito per Rosia per un inesplorato giro nel cuore della Toscana: La Val di Merse.

Nonostante la festività del 25 Aprile, che ha condizionato la partecipazione di qualcuno, il determinato gruppetto degli Apb, una volta giunto e parcheggiato l'auto a Rosia si è diretto verso l'abbazia di San Galgano.

Un'abbazia del XII riconosciuta metà turistica per la sua particolarità di essere ormai una rovina dato che già dal XV secolo fu tolto e venduto il tetto completamente realizzato in piombo. Un luogo di tale fascino e mistero medioevale unito alla leggenda della spada nella roccia che i nostri avventurieri Amiciperlabici non resistono ad entrare nella chiesa trasformata in museo per un giro curturale tra le bellissime rovine e scattarsi ovviamente delle memorabili foto di gruppo.

Ovviamente già in ritardo, rapiti da cotanto fascino, riprendiamo a pedalare non senza girarsi indietro per un'ultima veduta di questo luogo che oserei definire magico.

Gli 8 impavidi Amici, sfidando le incerte previsioni meteo, ma soprattutto un vento gelido di tramontana, proseguono il loro tour ciclistico verso il paese di Montieri, con andatura regolare e scanzonata e con il rientrante Francese, fermo ai box da più di un mese per una fastidiosissima frattura, sempre nelle prime posizioni davanti a tutti talmente è grande la sua voglia di pedalare di nuovo insieme ai suoi amici.

La musica cambia sulla salita per Montieri dove i più in forma prendono il sopravvento con il sempre battagliero Sempronio subito ad imporre una certa andatura a cui Fullcarbon ovviamente non si sottrae giungendo per primo alla piazza del paese dove erano in pieno svolgimento le celebrazioni della Festa di Liberazione con tanto di banda musicale e bandiere rosse.

Ma la salita con una pendenza costante ma ben pedalabile, e con un manto stradale appena rifatto non crea particolari problemi a nessuno nel giungere, seppur alla spicciolata, nella festosa cittadina. Così fatte due chiacchere con i paesani presenti, incuriositi e sorpresi dal nostro improvviso arrivo, riprendiamo a pedalare perchè i chilometri da fare sono ancora parecchi e dobbiamo conquistare Castelnuovo Val di Cecina nostra prossima tappa.

Per arrivare in questo paese nella provincia di Pisa caratterizzato dai soffioni boraciferi e le centrali geotermiche per sfruttare questa energia naturale della terra, percorriamo bellissime strade provinciali immerse nel verde e nel silenzio più assoluto dato che il traffico automobilistico è decisamente scarso, in un susseguirsi di mangia e bevi e continue curve che, nonostante la fatica, ti fanno godere appieno della campagna circostante ed apprezzarne la bellezza, soprattutto a chi come noi non conoscevamo questo angolo di Toscana.

Fatta quindi una veloce sosta nel bar di Castelnuovo, un paesino decisamente più bello visto da fuori, o probabilmente caratterizzato solo dal suo centro medievale che purtroppo non abbiamo avuto il tempo di visitare, continuiamo il nostro tour con una piacevole discesa prima della salita che ci farà conquistare Radicondoli.

Infatti giunti all'inizio dell'ascesa, un grosso cartello stradale ci indica che la strada per Radicondoli è interrotta per frana, ma questo non scalfisce la nostra determinazione e ci avventuriamo ugualmente per la nostra strada. Ad un certo punto incontriamo l'interruzione con la strada sbarrata ed aldilà un'impressionante frana che aveva fatto sprondare la carreggiata di alcuni metri. Così inarrestabili come non mai, imbracciamo in nostri mezzi, scavalchiamo tutti gli ostacoli, e riprendiamo imperterriti la nostra corsa a fino a Radicondoli, dove dietro a Fullcarbon e Sempronio arriva un Norx che fino ad allora si era preservato non fidandosi troppo della sua condizione atletica.

A questo punto la stanchezza per qualcuno si fa veramente sentire, ma oramai mancano solo gli ultimi 30 km e, nonostante un clima poco primaverile, la bellezza di quei posti e di quelle campagne non faceva rimpiagere nessuno dei presenti di essere là. Anzi ripartiamo ancora con più determinazione e in un tratto di strada decisamente favorevole si organizza il velocissimo trenino viola guidato dal suo Presidente che impone un'andatura molto sostenuta ma allo stesso tempo anche molto divertente toccando velocità ben sopra di 45 km orari.

Perchè non c'è dubbio che quando in bici sento in faccia il vento per la velocità, per non parlare dell'ebbrezza di impostare i curvoni per poi rilanciare subito l'azione spingendo alla morte sui pedali, seguito da un gruppo compatto di maglie viola il cui colore si accende magicamente con lo spuntare dei primi raggi di sole, raggiungo l'estasi del andare in bici e l'adrenalina che mi circola nelle vene mi fa vivere nei momenti indimentabili.

Così dopo questa bella e divertente azione arriviamo all'imbocco dell'ultima salita del percorso, Il Passo dell'Incrociati, una bella ascesa che ha fatto soffrire i più stanchi ma che ci ha dato a tutti la consapevolezza di avere superato anche l'ultimo ostacolo prima di ritornare a Rosia, e nonostante l'ora tarda e la fatica, anche il sole ci sorrideva sempre più convinto dopo avere giocato tutto il giorno a nascondino dietro minacciosi nuvoloni.

Da lì arrivare alle nostre ammiraglie è stato un gioco da ragazzi, e la soddisfazione del gruppo dopo 115 km di così tante emozioni provate, è palpabile. Per chiudere in bellezza decidiamo quindi di fermarci a Monteriggioni al Bar dell'Orso, un posto riconosciuto da molti bikers per i suoi favolosi panini imbottiti a piacimento da una ricca scelta di salumi, formaggi e sott'oli.

Una vera goduria per le nostre fameliche boccucce che avrebbero anche dato volentieri una forchettata anche ai magnifici pici che venivano serviti nei tavoli accanto. E quindi per non farci mancare niente quale cosa migliore per concludere alla grande in perfetto stile APB questa indimenticabile giornata se non un bel vassoio di biscotti fatti in casa inzuppati nel vinsanto?

Letteralmente spolverati.

The Pres.

Video (vedi tutte)

Garrisce il labaro viola su Contador e Fabio Aru
INNO AMICIPERLABICI FIRENZE

Ubicazione

Telefono

Indirizzo

Greve's Brigde
Florence
Altro Squadra sportiva dilettantistica Florence (vedi tutte)
Team 999 racing Team 999 racing
Piazza Della Costituzione 3
Florence, 50129

Palmares 1 trofeo esso 600(2000) 1 vice campioni italiano 600(2001) 1 trofeo Kawasaki(2005) 3 trofei yamaha r6 cup(06-07-08) 1 trofeo Dunlop (2008) 1 trofeo yamaha r1 cup(2009) 1 trofeo Bridgestone 1000 (2015)

44 Etruria - Air Soft Team 44 Etruria - Air Soft Team
Florence

Il 44° Etruria è una squadra di Air Soft attiva su Firenze. Il team partecipa a competizioni agonistiche e non su tutto il territorio nazionale.

U.S. Sales Calcio - Firenze U.S. Sales Calcio - Firenze
Via Don Bosco 33
Florence, 50100

Società sportiva dilettantistica di Firenze. Oltre 60 anni di sport, divertimento, amicizia, fairplay.

Firenze Basketball Academy ssdrl Firenze Basketball Academy ssdrl
Viale Dei Mille 97
Florence, 50131

Accademia di Basket Giovanile di Alta Specializzazione. Un centro tecnico sportivo d'eccellenza dove si cura in ogni dettaglio la salute e la crescita tecnica, atletica e culturale dei giovani cestisti... perchè siano campioni di vita e di sport

Galactik Football Galactik Football
Florence

SPONSOR " ZDM COSTRUZIONI "

Tennis in Rosa - Fight Breast Cancer with Sport Tennis in Rosa - Fight Breast Cancer with Sport
Florence, 50100

L'A.S.D Tennis in Rosa Onlus si propone di aggregare le donne operate di tumore al seno affinché inizino la loro nuova vita all'insegna dello sport.

Pallacanestro Affrico Pallacanestro Affrico
Viale Manfredo Fanti, 20
Florence, 50137

La cittadella Us Affrico è nel cuore del quartiere di campo di Marte, questa è la pagina ufficiale della sezione basket!

Centro Taekwondo Firenze Centro Taekwondo Firenze
V.le Nervi, 6
Florence, 50135

A.S.D. CENTRO TAEKWONDO FIRENZE

Nordic Walking e Dintorni asd Nordic Walking e Dintorni asd
Via B. Latini, 64
Florence, 50133

Passo dopo passo cresceremo insieme ai nostri allievi nella speranza che la Famiglia della Spirale Azzurra diventi sempre più numerosa!

Le Medicee Rugby 7s Firenze Le Medicee Rugby 7s Firenze
Viale Pasquale Paoli 23
Florence

Segreteria - Tel.- Fax (+39) 055 5031672 [email protected] Elisabetta: 3332106315

Attraverso Running ASD Attraverso Running ASD
Via Santo Spirito
Florence, 50125

Attraverso Running nasce a Febbraio 2018. Squadra podistica , affiliata con: FIDAL EPS -CSAIN Info: [email protected]

Il Fortino Il Fortino
Florence

Squadra amatoriale di Calcio a 5 partecipante al campionato amatoriale Midland di Firenze.