Gherardo Zanuccoli • Postura e Movimento

Gherardo Zanuccoli • Postura e Movimento

· Insegnante di Allenamento Funzionale F.T.S
· Personal Trainer FIPE - Federazione Italiana Pesistica
· Cintura nera I Dan di Ju Jitsu WJJC

Normali funzionamento

04/09/2023

Oggi ricominciano i nostri corsi, sia in presenza che on-line!

Pronti per la nuova stagione?

21/08/2023

Dal 4 Settembre ricominceranno i nostri corsi sia in presenza che online.

Data la grande richiesta che abbiamo ogni anno ed il numero limitato di posti a nostra disposizione chiediamo a chi fosse interessato di contattarci il prima possibile (sia che si voglia iscrivere, sia che voglia fare una prova gratuita)

⚜️ SEDI ED ORARI LEZIONI IN PRESENZA ⚜️
Tutte le lezioni sono di 90 minuti e sono così organizzate:
45 minuti di Ginnastica Posturale + 45 minuti di Metodo Feldenkrais

🏠 Istituto Don Bosco (Via del Ghirlandaio 40, Firenze)
📅 Giorni:
Lunedì e Mercoledì
oppure
Martedì e Giovedì
🕒 Orari:
dalle 10:00 alle 11:30
oppure
dalle 18:00 alle 19:30

🏠 Centro San Donato (Via del Fiorino 17, Firenze)
📅 Giorni:
Martedì e Giovedì
🕒 Orari:
dalle 9:30 alle 11:00

🏠 Circolo Rigacci (Via Baracca 56, Firenze)
📅 Giorni:
Martedì e Giovedì
🕒 Orari:
dalle 18:00 alle 19:30

⚜️ ORARI E MODALITA' LEZIONI ON LINE ⚜️
Possibilità di seguire lezione dal Lunedì alla Domenica con il seguente schema:
📅 Lunedì, Mercoledì e Venerdì: Lezione in diretta di 90 minuti (Ginnastica Posturale + Metodo Feldenkrais) a cui si può partecipare sulle seguenti due fasce orarie liberamente selezionabili di giorno in giorno:
Dalle 10:00 alle 11:30
Dalle 18:00 alle 19:30
📅 Lunedì, Mercoledì e Venerdì (valide fino a Domenica): Lezione registrata di 60 minuti (Ginnastica Posturale incentrata su temi specifici) fruibile quando si vuole nell’arco della settimana (a vostra completa disposizione fino alla Domenica)

⚜️ UNA LEZIONE DI PROVA GRATUITA ⚜️

Per informazioni e prenotazioni contattare, quanto prima, via WhatsApp o Email:
LEOPOLDO ZANUCCOLI
WhatsApp: +393495259159
Email: [email protected]

SANITA’. OK IN VENETO A PROGETTO FELDENKRAIS PER RIABILITAZIONE PRECOCE DEI BIMBI CON PARALISI CEREBRALE. ZAIA, “PRIMO DEL GENERE AL MONDO” 03/08/2023

SANITA’: OK in Veneto al Progetto Feldenkrais per la riabilitazione precoce dei bimbi con paralisi cerebrale. ZAIA: “Primo del genere al mondo.”

SANITA’. OK IN VENETO A PROGETTO FELDENKRAIS PER RIABILITAZIONE PRECOCE DEI BIMBI CON PARALISI CEREBRALE. ZAIA, “PRIMO DEL GENERE AL MONDO” “Abbiamo approvato una innovativa sperimentazione, chiamata Metodo Feldenkrais, che potrà permettere di approfondire ed ampliare le possibilità terapeutiche offerte ai bambini con paralisi cerebrale ed alle loro famiglie. Si tratta del primo progetto del genere al mondo, e questo denota la grand...

Metodo Feldenkrais: Antico Spedale del Bigallo (XII Secolo) - Zanuccoli 18/07/2023

Mattinata di lezione con il Metodo Feldenkrais presso l'antico Spedale del Bigallo: magnifico edificio fondato nel 1214 e sito a Bagno a Ripoli tra le colline fiorentine, dotato di un'invidiabile vista su Firenze.

Il programma della giornata comprendeva:
- 4 lezioni di Metodo Feldenkrais
- la storia dell'Antico Spedale del Bigallo, dalla fondazione al giorno d'oggi, accompagnata da tisane prodotte in loco
- pranzo a km 0.

Le lezioni sono state tenute da Leopoldo e Gherardo Zanuccoli.
La storia dell'Antico Spedale del Bigallo ci è stata narrata da Ferdinando Adorno.
I partecipanti sono stati 50, dai 25 agli 80 anni, cosa che rimarca quanto questa metodologia sia adatta a chiunque senza limiti di età o limitazione fisica.
Ringraziamo di cuore tutti i partecipanti per il calore, la simpatia e la voglia di apprendere dimostrataci durante questa bellissima mattinata di benessere e socialità.

https://youtu.be/2GHKJW1W8BU













Metodo Feldenkrais: Antico Spedale del Bigallo (XII Secolo) - Zanuccoli Mattinata di lezione con il Metodo Feldenkrais presso l'antico Spedale del Bigallo: magnifico edificio fondato nel 1214 e sito a Bagno a Ripoli tra le collin...

18/06/2023

La testimonianza di una allieva dopo un intervento di protesi all'anca

02/06/2023

Aperitivo dopo lezione con il corso di Firenze Nord

22/12/2022

Tanti auguri dal gruppo del pomeriggio - Sales

Photos from Gherardo Zanuccoli • Postura e Movimento's post 22/12/2022

Tanti auguri dal gruppo della mattina! 🎄🎅

Le teorie dell'apprendimento - Psicoadvisor 04/12/2022

Nel Metodo Feldenkrais si parla spesso di apprendimento.

Ma com'è nato e si è sviluppato il concetto di apprendimento, e quali sono stati gli studi che hanno portato a definire le varie teorie?

In questo interessante articolo vengono descritte e spiegate le teorie e i modelli di apprendimento da Pavlov in poi

Le teorie dell'apprendimento - Psicoadvisor Author Details Author Details Santina Claudia Micieli L \'Autore di questo articolo è uno psicologo o psicoterapeuta. [email protected] Si può definire apprendimento ... Leggi tutto

Cosa avviene nel cervello quando siamo felici - Psicoadvisor 09/10/2022

Abraham Maslow ha persino proposto una Gerarchia dei Bisogni, una piramide che racchiude dalla base all’apice le esigenze a cui ciascuno di noi si appella nell’arco della vita.

La felicità, in questo modello, rappresenta il risultato dell’appagamento di ciascuno di questi bisogni.

Cosa avviene nel cervello quando siamo felici - Psicoadvisor Un team di ricerca ha “filmato” in sequenza come si attiva il cervello quando è stimolato dalla serotonina, la “molecola della felicità”.

23/12/2021

Ultima lezione dell'anno!

Buon Natale e buone feste a tutti quanti!!!

25/04/2021

https://www.facebook.com/1407081019581017/posts/2968349446787492/

Il grande Gianfranco Zavalloni ha dedicato un capitolo intero della sua '' Pedagogia della lu**ca '' ad evidenziare come sia cambiata la scuola con la legge 626 sulla sicurezza . Le successive leggi hanno accentuato una politica basata sull'iperprotezione che di fatto delega all'esterno del bambino la garanzia della sua sicurezza. Superfici piane a antitrauma, angoli smussati e limitata mobilità sono un habitat assai diffuso nelle nostre scuole. A noi pare sinceramente una '' minchiata '' , e concedeteci il rafforzativo, perchè pensiamo che solo lavorando sulle competenze del bambino possiamo garantire al meglio la sua sicurezza. Non si tratta di eliminare il rischio ma di scommettere su esso e sul bambino . Un bambino che abbia acquisito competenze motorie ed emotive, accompagnato dalla fiducia dell'adulto , difficilmente cadrà dinanzi ad una radice o ad una buca, e qualora questo avvenga , potrà sviluppare un'importantissima competenza : imparerà a rialzarsi.

20/03/2021

Usiamo veramente il 10% del nostro cervello?
La scienza ci dice di no, lo usiamo al 100%!

USIAMO SOLO IL 10% DEL CERVELLO - STORIE SU UN MITO DURO A MORIRE

Il fatto che usiamo solo il 10% del nostro cervello è una delle leggende a tema neuroscientifico in assoluto più dure a morire. La sua origine non è chiara, ma nel tempo essa si è alimentata di varie incomprensioni, fraintendimenti e semplificazioni delle nostre conoscenze sul cervello.

Una delle storie più note (raccontata egregiamente ieri dal Prof. Piero Paolo Battaglini, se vi siete persi la sua bellissima lezione andate a recuperarvela, la trovate qui sulla pagina) riguarda Albert Einstein. Per raccontarla bisogna dire un paio di cose sulla nostra corteccia cerebrale. La corteccia (lo strato più esterno del cervello) è stata progressivamente divisa in una serie di aree, diverse dal punto di vista funzionale: ci sono aree che si occupano della comprensione del linguaggio, aree che si occupano del movimento delle dita, e così via. Una classificazione fondamentale è presente tra le aree primarie e le aree associative. Spieghiamo la differenza con un esempio. L’area visiva primaria (V1) è l’area del cervello in cui è codificata, in prima istanza, la vista. L’informazione raccolta dai nostri occhi arriva all’area V1, e da qui inizia ad essere processata: se l’area V1 venisse rimossa dal nostro cervello saremmo completamente ciechi. Una volta elaborate dalla area V1, le informazioni visive passano ad altre aree, dette associative, che si occupano di funzioni più specifiche: riconoscere forme, oggetti, volti o movimenti, ed altro ancora. Rimuovere in toto una di queste aree non rende ciechi ma causa deficit più circoscritti e legate al ruolo di quell’area. Ai tempi di Einstein era ormai chiaro il ruolo delle aree primarie, molto più facile da determinare, e sfuggiva invece alla comprensione il ruolo di gran parte delle aree associative. Ecco: le aree primarie occupano il 10% della corteccia mentre il restante 90% è dedicato alle aree associative. Per questo, pare, che Einstein abbia detto che (a quel tempo) eravamo a conoscenza del ruolo di solo il 10% del nostro cervello. La notizia fu riportata erroneamente e comparve (o fu ulteriormente alimentata) l’idea del limitato utilizzo del cervello umano, del 10% appunto.

Un’altra suggestione che ha alimentato questo mito risiede nel fatto che per molti anni si è creduto che solo il 10% delle cellule che compongono il nostro cervello fossero neuroni. Come ha spiegato la Prof. Fabrizia Cesca nella sua lezione (la trovate qui sulla pagina), il cervello è popolato da una grande varietà di cellule di glia, oltre che da neuroni. Chi fosse interessato a sapere di più sull’identità e sul ruolo della glia è invitato ad ascoltare la bella lezione della Professoressa Cesca. Quello che conta per noi, in questo momento, è che per moltissimo tempo si è ritenuto che la glia fosse molto più numerosa dei neuroni, un rapporto di circa 1 a 10. Un rapporto perfetto per alimentare il mito dell’utilizzo del 10% del cervello. Questa stima è stata considerata vera dalla comunità scientifica fino a qualche anno fa, finché una ricercatrice brasiliana non ha preso le cellule del cervello e… le ha contate. E così si è scoperto che in realtà il rapporto tra glia e neuroni è pressoché di 1 a 1.

Con le conoscenze attuali siamo consapevoli del ruolo delle cellule gliali, e d’altra parte è stato dimostrato in modo incontrovertibile che utilizziamo al 100% il nostro cervello e che non esistono capacità segrete e sovrannaturali che potremmo essere in grado di sviluppare. Ormai il mito dell’utilizzo del 10% del cervello è rimasto solo come una suggestione buona per film e serie TV. No? Non potremmo mai vivere solo col 10% del nostro cervello, giusto?!

Beh, qualche anno fa una scoperta ha fatto vacillare queste sicurezze. Nel 2007 su The Lancet (una prestigiosa rivista medica) è stato pubblicata una storia a dir poco stupefacente. Un uomo francese di 44 anni, lavoratore, padre e marito, una persona con una vita che tutti definiremmo “normale”, si era rivolto a dei medici per alcuni problemi di pesantezza e stanchezza alle gambe, di origine neurologica. Il risultato degli esami medici condotti, che vedete nella foto, fu abbastanza scioccante. Un idrocefalo (un accumulo di liquidi nel cervello) aveva letteralmente scavato nel tessuto nervoso di quella persona, riducendo il suo cervello ad un sottile strato di tessuto nervoso sotto il cranio. Qualcuno disse, ma questa cifra non era riportata negli articoli scientifici, che era rimasto intatto solo il 10% del cervello (here we go again). Ovunque si diffusero (e si trovano molti racconti anche al giorno d’oggi) discussioni su come fosse possibile che un uomo potesse vivere una vita normale con solo il 10% del cervello. Il quoziente intellettivo dell’uomo era leggermente sotto la media, ma per il resto si trattava di un uomo con normali relazioni sociali, capace di lavorare e prendersi cura dei figli, con una coscienza completamente intatta. La spiegazione è stata cercata nei fenomeni di plasticità che caratterizzano il nostro cervello. In pratica, l’idrocefalo ci aveva messo circa 30 anni a scavare nel tessuto cerebrale, e la lentezza del processo aveva dato il tempo alle parti intatte di farsi progressivamente carico delle funzioni normalmente svolte dalle aree che venivano p***e. Il cervello si era lentamente adattato a funzionare con solo il 10% della sua massa. Quindi non è vero che usiamo solo il 10% del nostro cervello ma…potremmo?

Mi duole dirvi che la risposta è no. Le evidenze scientifiche ci dicono che l’idrocefalo non ha scavato il cervello di quest’uomo, ma lo ha lentamente “schiacciato” sulle pareti della scatola cranica. Il cervello si è dunque adattato, ma al progressivo aumento di pressione, non alla perdita di massa. Il cervello, infatti, non è un tessuto solido e rigido, ma somiglia più a una spugna un po’ molliccia: schiacciare una spugna la comprime, ma non altera la sua massa. Dunque, il cervello era ancora lì in gran parte intatto, anche se “un pochino” più sottile del normale.

Mito dell’utilizzo del 10% del cervello: la scienza ti ha battuto, il cinema ti terrà in vita.

Vuoi che la tua azienda sia il Palestra più quotato a Florence?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Ubicazione

Digitare

Sito Web

Indirizzo


Via Di Ripoli
Florence
50100

Orario di apertura

Lunedì 13:30 - 17:00
Martedì 13:30 - 17:00
Mercoledì 13:30 - 17:00
Giovedì 13:30 - 17:00

Altro Allenatore Florence (vedi tutte)
Giuseppe Mingrone  Personal Trainer Giuseppe Mingrone Personal Trainer
Via Di Novoli, 10
Florence, 50127

www.giuseppemingrone.it

Fulvio Massini Consulenti Sportivi Fulvio Massini Consulenti Sportivi
Via Fra' Giovanni Angelico, 36/11
Florence, 50121

Programmi personalizzati per la corsa ad ogni livello. Test di valutazione e programmi rivolti ai vo

VMpersonalcoach VMpersonalcoach
Via Di Soffiano
Florence, 50143

-->Io sono una sportiva da sempre! -Ho creato questa pagine per aiutare atleti professionisti e ap

Mario Giglio Mario Giglio
Florence

La pagina ufficiale dell'allenatore di pallavolo Mario Giglio. Un luogo dove verranno pubblicate tut

dimifi73 dimifi73
Florence

Preparazione invernale per ciclisti Lezioni di gruppo o per singoli di Indoor Cycling

Justin Latapie Justin Latapie
Via Giambattista Lulli 62/A
Florence

Luca Giuntoli Luca Giuntoli
Viale Redi 145
Florence

Allenati! Progredisci! Ottieni!

Tuttitalenti.it Tuttitalenti.it
Via Bolognese
Florence, 50100

Vuoi conoscere i calciatori che potrebbero vestire la casacca della tua squadra del cuore? Metti un

Mario Puccioni - Centurion lifestyle Mario Puccioni - Centurion lifestyle
Florence, 50142

Sono un educatore, mi occupo di aiutare le persone a migliorare da ogni punto di vista la qualità d

Cristiano Fallai Cristiano Fallai
Florence

SOS SEDENTARIETÀ ! La mancanza di attività motoria è un virus sociale che - secondo l'OMS - au

Equiperun Equiperun
Via Dello Steccuto 5
Florence, 50141

Equiperun è la prima running company italiana nata per aiutare i podisti a correre in sicurezza e s

ElixaNder ElixaNder
Florence

Elisabetta Palmieri Atleta Personal Trainer Docente di Bodybuilding Consulente Nutrizione ed Integ