Centro Studi ASSI Giglio Rosso Firenze

Nato nel 1971 come sezione culturale della società madre, dal 1989 si è costituito legalmente e opera nel settore della ricerca in ambito sportivo.

Nel tempo ha consolidato un importante fondo bibliotecario specializzato.

Normali funzionamento

21/04/2021

Nelle più remote motivazioni dei fondatori il Football era passione pura.

20/04/2021

DANILO INNOCENTI

"Piccio", così lo chiamaron sempre gli amici, nacque a Sesto Fiorentino il 27 marzo del 1904. Lavorò fin da ragazzo nella bottega artigiana del padre che era in Piazza della Chiesa a Sesto, proprio accanto al Circolo Parrocchiale, sede del Gruppo Sportivo Cattolico, la prima vera società sportiva di Innocenti.
Con la maglia di quella società Piccio realizzò, nel 1924, la sua prima prestazione di rilievo: 2.90 nel salto con l'asta, la 18.ma misura nelle graduatorie nazionali di quell'anno. Nel 1925 superò i 3 metri nell'asta oltre a saltare 12.07 nel triplo.
Fu comunque il 1926 l'anno in cui Piccio rivelò il suo talento a livello nazionale, partecipando ai campionati italiani a Napoli e terminando quarto nell'asta e terzo nel triplo. Le liste nazionali lo videro quell'anno al quarto posto in entrambe le specialità, rispettivamente con 3.45 e 13.27.
Sesto non aveva all'epoca alcun campo sportivo e per consentire a Piccio di allenarsi fu improvvisata, nel giardino parrocchiale, una precaria pedana per il salto con l'asta. Riuscì in tal modo a migliorare la sua tecnica e a rafforzarsi muscolarmente, presentandosi nel 1927 ai campionati italiani a Bologna con una misura, 3.63, che gli valse il suo primo titolo di campione d'Italia ed il record italiano insieme.
Dal 1928 Innocenti gareggiò per la Giglio Rosso e trasferì i suoi allenamenti prima al Velodromo delle Cascine e poi, dal 1930, sul bel campo del Viale Michelangelo.
Piccio Innocenti vinse per altre nove volte il titolo italiano del salto con l'asta: '28 - '30 - '31 - '32 - '33 - '34 - '35 - '36 - '37, dieci titoli in tutto con quello del '27.
Riuscì a migliorare il record italiano della specialità per altre sette volte, oltre a quella prima di Bologna: da quel 3.63 si innalzò fino ai 4 metri, superati nell'occasione più importante della sua luminosa carriera, a Berlino, nelle Olimpiadi del 1936. Quel salto gli valse il sesto posto nella gara olimpica.
Ancora nel '36, non pago di esser stato il primo italiano a superare la soglia fatidica, pose il suo ultimo sigillo: 4.01, la dodicesima prestazione nelle classifiche europee dell'anno.
E' per noi doveroso considerare che l'asta in quei tempi era di bambù: una grossa, pesante e rigida canna di bambù.
Vinse nel 1933 i prestigiosi campionati inglesi e l'anno successivo partecipò alla prima edizione dei campionati europei a Torino dove si classificò al sesto posto. Partecipò pure, quattro anni dopo, nel 1938, trentaquattrenne, ai campionati europei di Parigi, dove però non ebbe molta fortuna.
Complessivamente Piccio fu per 27 volte in maglia azzurra; la sua invidiabile carriera proseguì fino al 1943, quando ormai trentanovenne riuscì a superare ancora i 3.50. Nessun altro specialista di questa gara restò ai vertici nazionali per tanto tempo e mantenne così a lungo il primato italiano. Piccio fu anche un buon decathleta, partecipò per tre volte ai campionati italiani di quella specialità e nel 1933 arrivò terzo.
Danilo Innocenti morì a soli 45 anni, il 26 maggio 1949; da allora riposa nel cimitero delle Porte Sante a San Miniato al Monte, a poche centinaia di metri dal campo della "sua" Giglio Rosso dove spese i più begli anni di una breve e intensa vita.

19/04/2021

Le prime affermazioni in campo nazionale per la S.A. Giglio Rosso voluta dal Marchese Luigi Ridolfi arrivarono nell'immediato dai campionati nazionali di Cross Country dove gli atleti fiorentini dettarono legge e per un buon lustro dal 1927 in poi...

18/04/2021

Furono in 18 a fondare l'Arno Società Sportiva Italiana, era l'Aprile del 1922.
In Dicembre gli associati erano quasi 200.

17/04/2021
16/04/2021

GIANNA MARCHINI

Fiorentina, nata nello storico rione di Santa Croce il 18 gennaio del 1906, iniziò la sua attività piuttosto casualmente, partecipando ad un Convegno Alpestre a Monte Maggiore nel giugno del 1922, dove vinse una "corsa di velocità per signorine".
L'anno successivo la Giannina, iscritta alla Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas, corse al Galluzzo una gara in pista di 80 metri piani "per signorine" e fu seconda. Pochi giorni dopo, alla fine di settembre del 1923, vinse una prova sui 60 metri di un'altra festa agreste a Monte Starniano; prima che finisse l'anno fece altre due gare di sprint e fu seconda alla Vallombrosina e prima a Peretola.
Il suo talento fu intuito da Vasco Neri, dirigente dell' Unione Sportiva Fiorentina "Sempre Avanti", che tesserò la Marchini nel 1924, anno in cui vinse il titolo toscano in ben quattro specialità: 80 e 250 piani, ostacoli e salto in alto.
Nel 1925 divenne ancora campionessa regionale, nei 250 metri e nel salto in alto. Seguì un anno senza acuti, il '26, dopodichè la Marchini cominciò a dimostrare la sua classe a livello nazionale: si piazzò terza ai campionati italiani di corsa campestre del 1927, ancora tesserata per la "Sempre Avanti!", e in agosto, durante le gare di selezione per l'incontro Italia-Francia, la Giannina finì seconda, alle spalle della famosa Pedrazzani che realizzò il nuovo primato italiano dei 1.000 metri. Vestì dunque la maglia della nazionale e nella gara dei 1.000 di quell'incontro Italia-Francia, pur sconfitta dalla francese Jolly, realizzò il nuovo record italiano in 3'14"2\5.
Fu questo un record assai longevo: rimase tale per ben 42 anni, imbattuto fino al 1969!
Sempre nel 1927 la Marchini fece ancora una gara splendida, negli 800 metri dei campionati italiani, ma fu di nuovo seconda alla Pedrazzani che polverizzò il record su quella distanza. Ma la Giannina, staccata di un solo secondo, era ormai lanciata nell'orbita dell'atletica nazionale e alla fine dell'anno cambiò maglia vestendo i colori della Giglio Rosso, insieme a tutta la sezione atletica della "Sempre Avanti".
Il 1928 della "biondina di Santa Croce", così la chiamavano affettuosamente i tifosi ed i giornali dell'epoca, fu travolgente: vinse cinque gare su cinque, sconfisse la Pedrazzani nelle quattro occasioni in cui questa fu presente e migliorò per due volte il record degli 800 metri. Fu selezionata per le Olimpiadi di Amsterdam, dove partecipò alla prova degli 800: fu quarta in batteria ed eliminata, ma autrice di una gara coraggiosa. Il divario fra l'atletica nazionale e quella degli altri paesi era ancora troppo vasto.
Ancora nel '28, ai campionati italiani privi delle gare di mezzofondo, si iscrisse ai 400 metri piani e li vinse con il tempo di 66"0.
Il 1929 fu il suo ultimo anno di gare: vinse il campionato italiano di corsa campestre, migliorò ancora una volta il record degli 800, e ai campionati italiani, ancora privi delle corse di mezzofondo, si classificò seconda nei 400 metri.
Scomparve nel 1976; pochi anni prima aveva vissuto l'ultimo momento di celebrità, quando nel 1969 fu battuto - dopo così tanti anni - il suo primato italiano dei 1.000 metri.

15/04/2021

I soci fondatori dell'ASSI posano - 99 anni fa - sulla terrazza della Rari Nantes Florentia dopo aver sottoscritto l'atto costitutivo era il 14 Aprile 1922.

27/01/2021

"Gino Bartali anche in tempo di guerra si allenava più degli altri, perché faceva il portalettere, ovviamente in bicicletta. Alla caduta del fascismo il 25 luglio del 1943, Gino abbandonò quel che restava dell'esercito italiano ed anche in seguito, pur avendo saputo che per questo era ricercato, non tornò sotto le armi.
Fu allora che contribuì a salvare molte vite umane, sia in parrocchia aiutando a confezionare pacchi viveri che venivano mandati a Roma, in Vaticano, per gli sfollati e i bisognosi, sia facendo la “staffetta" partigiana per consegnare alle suore di un convento di Assisi - ovviamente in bicicletta - documenti che significavano libertà, salvacondotti e sopravvivenza per tante persone, sia portando lui stesso in salvo, una volta, un folto gruppo di Inglesi rifugiati al Ponte a Ema."

Il brano è estratto dal volume "Dal velocipedismo a Gino Bartali" edito nel 1998 dalla Provincia di Firenze e realizzato dai nostri ricercatori Aldo Capanni e Franco Cervellati. Si tratta di preziose testimonianze orali ricevute da Gino stesso tra molte comprensibili reticenze, perché anche allora amava sostenere che "il bene lo si fa ma non lo si racconta".

Altri ricercatori - a posteriori - riuscirono ad approfondire e dettagliare la vicenda di quei lunghi "allenamenti" sulla tratta Ponte a Ema-Assisi e ritorno - e sulle strade dell'epoca - per tratteggiare un profilo dell'uomo Bartali che si ergeva a campione oltre che del ciclismo anche dei valori umani. E' certo però che pur non scendendo nei dettagli emersi dopo la sua scomparsa, Gino affermò a noi di aver compiuto tra il '43 e il '44 delle azioni pericolose per lui e la sua famiglia, azioni determinate a salvare delle persone, a volte interi nuclei familiari, dalla persecuzione nazifascista.

Vorremmo quindi prendere una posizione netta e portare la nostra testimonianza - ottenuta da Bartali nel 1997 - perché si è fatta alta la polemica nelle ultime settimane dopo l'uscita di un volume del Prof. Stefano Pivato che vorrebbe smentire, fin dal titolo, il contributo di Bartali in quei tempi bui della storia del nostro Paese. Farlo nel Giorno della Memoria ci pare un gesto dovuto.

Ubicazione

Indirizzo

Viale Michelangelo, 64
Florence
50125

Altro Sport e tempo libero Florence (vedi tutte)
KLAB Fitness, Piscina e Spa KLAB Fitness, Piscina e Spa
Via Del Ferrone 5
Florence, 50125

I centri Klab non sono una semplice palestra ma un'esperienza molto più completa e coinvolgente. 3 Centri in Toscana: Klab Conti - 055215902 / [email protected] Klab Marignolle - 055708787 / [email protected] Klab Proxima B - 057452779 / [email protected]

Divertiamoci Ballando Divertiamoci Ballando
ITALIA
Florence

EVENTO PERIODICO DI DIVERTIMENTO E STUDIO

House of Gaming Firenze House of Gaming Firenze
Viale Donato Giannotti 37R
Florence, 50126

Che cos’è House of Gaming? HoG (acronimo) sarà un posto dedicato agli appassionati di videogiochi e allo stesso tempo al mondo di Esport. I nostri obiettivi sono quelli di far entrare e vivere nel mondo che oggi viene chiamato Gaming.

Mensola parkrun Mensola parkrun
Via Della Torre, 27
Florence, 50134

Una corsa/camminata cronometrata di 5 km, settimanale, gratuita, incontro alle 8.30 ogni sabato mattina per partire alle 9. Aperta a tutte le età ed abilità. C'è un posto per tutti, anche per aiutare a gestire l'evento. Vi aspettiamo!

CSAT FIPS CSAT FIPS
TOSCANA
Florence

Il Coordinamento Toscano , affiliato FIPS softair si occupa di promuovere il campionato PCS e PCN a carattere regionale. Coordinamento libero , e aperto a tutti i club Toscani.

Centro GAV Centro GAV
Via Gran Bretagna 48
Florence, 50126

Centro GAV è uno spazio polifunzionale, multisettoriale e multigenerazionale, progettato all’insegna della condivisione e dedicato alla valorizzazione del movimento, del benessere, del sociale

Luxury Man & Women Store Luxury Man & Women Store
Florence

#bhfyp #mensoutfit #instastyle #summer #ootdmen #clothes #malemodel #jeans #shopping #fitness #moda #suits #handmade

JG Academy - Firenze JG Academy - Firenze
Via Luigi, Vamba, Bertelli 23
Florence, 50135

Corso di Combattimento Coreografico di Lightsaber. Allenamento funzionale a corpo libero e di spada allo scopo di strutturare coreografie basate sui movimenti canonici Jedi e Sith ed esibirsi in spettacoli d'impostazione professionale.

GeaMente GeaMente
Viale Europa 95
Florence, 50126

Unisciti a noi per fantastici tours a piedi a Firenze�� Scopri luoghi e storie segreti, fai nu

Pilates International Italia Pilates International Italia
Lungarno Amerigo Vespucci, 28, 50123 Firenze FI, Italia
Florence, 50123

Romana’s Pilates Studio with Flora Lombardi •Level II Instructor •Regional Director Romana’s Pilates Italia

Aerial Yoga - Firenze Aerial Yoga - Firenze
Florence

Questa pagina nasce dal desiderio di condividere con altri la passione per l'Aerial Yoga, organizzando corsi, lezioni ed eventi.

SurfCasting Oltre L'Onda SurfCasting Oltre L'Onda
Florence

A.S.D. con sede in Toscana, incentrata sul Surf Casting agonistico e amatoriale.