CSD - Centro Subacqueo Didattico

Centro Subacqueo Didattico - Subacquea e Apnea a Firenze Il CSD trasmette passione per la subacquea a Firenze dal 1986, e questa pagina ha un solo scopo: mettere la testa sott'acqua!

Dalle bombole all'apnea, dalle immersioni tecniche alle gare agonistiche organizziamo corsi senza fini commerciali trascinati dall'amore per il mondo sottomarino. Siamo affiliati FIPSAS, e per maggiori informazioni visita il nostro sito internet www.csdsub.com

Normali funzionamento

Cerchiamo di continuare le attività anche se per ora solo online💪

[10/26/20]   In base alle disposizioni del DPCM del 25/10/2020, le attività in piscina del Centro Subacqueo Didattico saranno sospese fino al 24/11/2020.
Per ogni problema o domande ci potete contattare a [email protected]

Teoria subacquea

Aggiornamenti sulle soste profonde - Parte 2

https://youtu.be/DjOx1kcIrTc

Dal minuto 28:30

Siamo finalmente arrivati a dei test condotti nella Y 40 (PD) su dei subacquei tecnici.
Mentre nei precedenti trial IL GF (Gradient Factor) veniva misurato ex post ed era una risultante determinata da soste e velocità di risalita, stavolta il GF è un parametro fissato ex ante, funzionale al confronto tra soste fonde e soste superficiali.
Per una trattazione di cosa sia il GF rimando alla sintesi dell'istruttore Yme Carsana, secondo me davvero ben fatta (link nel primo commento)

Nella slide del video si distinguono i differenti profili decompressivi generati dai GF impostati. In ordine crescente di tempo di risalita (a parità di tutti gli altri fattori):

1) 100/100 Buhlmann senza fattore conservativo
2) 36/95
3) 10/90
4) 30/85
5) 20/70

I parametri del test sono:

A) Profondità massima=42mt
B) BT (Bottom time)=40'
C) RT (Run Time)=77'
D) Deco profilo superficiale (shallow stop): 5'/9mt 26'/6mt 3'/3mt
E) Deco profilo profondo (deep stop): 4'/21mt 3'/18mt 3'/15mt 3'/12mt 4'/9mt 12'/6mt 6'/3mt
F) entrambi i profili prevedono come gas di fondo l'aria ed un cambio a 21mt con EAN50
G) Campione di 18 sub (17 maschi ed 1 femmina) per 36 tuffi
H) Stesso GF di superficie (indica la % di sovrasaturazione del tessuto principale)

Prima di sapere i risultati, su quale scommettereste?
Vediamo come è andata.

Entrambi i profili (Shallow e Deep) hanno impatto sulle cellule ematiche, sull'emoglobina, ma non sull'idratazione, che rimane stabile.
Le differenze si riscontrano in termini di bolle visualizzate nelle cardioecografie. Nello specifico: il profilo Deep non supera mai il livello 2, quello Shallow è sempre superiore a questo valore. Il sistema predittivo porta a risultati simili. 600 bolle/frame stimate per lo Shallow e 440 bolle/frame per il deep.
Pertanto il profilo con Deep stops sembra essere meno pericoloso.

L'esperimento della piscina Y 40 è stato ripetuto in Inghilterra.
Parametri e campione d'indagine:
A) 50mt/25' con RT di 60'
B) Utilizzati Rebreather
C) Comparato GF 20/85 Vs GF 50/75
D) 7 subacquei per 14 immersioni

La produzione di bolle è stata pressoché identica nei due profili. Quello che li ha differenziati è stata la Bubble wave (il flusso di bolle), ovvero il livello delle bolle ad intervalli post immersione di 15' (30'/45'/60'/75'/90').

Con un GFL (GFLow) minore, profilo deep, la produzione immediata di bolle è minore. Quindi BDeep30'BShallow45',
BDeep60'>BShallow60',
BDeep75'>BShallow75',
BDeep90'>BShallow90'.

Il test condotto in Inghilterra ha fornito risultati più contraddittori rispetto alle prove nella Y40. Il Prof Marroni però sottolinea che, considerata la permanenza di bolle come un fattore infiammatorio, il profilo più superficiale dovrebbe garantire una maggiore sicurezza.

A differenza del Prof. Simon Mitchell, il Prof. Marroni è un po' più cauto nello sminuire il ruolo delle soste profonde. Nonostante la DAN abbia raggiunto un database di 100.000 tuffi, sui profili tecnici la numerosità è nettamente inferiore (l'ordine è delle centinaia di immersioni), per cui il paper sulle immersioni più estreme è ancora in fase di progettazione.

Alla prossima.

Da leggere...

Il Dr Mitchell e la decompressione ottimale.

https://youtu.be/nIO9qI5XODw

Un amico, subacqueo professionista, qualche giorno fa mi gira questo video del Dr. Simon Mitchell. Lo guardo con crescente interesse sia per la chiarezza espositiva, che per il livello di approfondimento. Il metodo è quello scientifico: si citano paper validati secondo peer review e si analizzano dati ed evidenze statisticamente significative.
La domanda alla base di tutta la lezione: qual è il profilo migliore (in termini relativi) fissato il tempo della decompressione?
Semplificando: sono preferibili le tappe fonde a discapito di quelle più superficiali o viceversa?
Per chi è più avvezzo ai modelli decompressivi: meglio VPM-B (soste fonde) o Buhlmann ZHL16C?

Due sono le grandi categorie di modelli decompressivi: Haldaniani (Buhlmann su tutti, nella variante ZHL16C) e a bolle (Varying Permeability Model - VPM - B).
Il VPM è più recente e si concentra sul raggio limite delle bolle di inerte nei tessuti. I profili decompressivi che ne derivano prediligono le soste più fonde. Buhlmann lavora sulla massima sovrasaturazione ammissibile per tipologia di tessuto (lo ZHL16C ne contempla 16).
Il VPM è sempre più utilizzato, anche in tuffi tecnici (uno dei software più diffusi per pianificare è appunto il V-planner), in ambito ricreativo molti adottano il RGBM (tipico di Mares e Suunto), parente stretto del VPM.
Dal confronto di questi due modelli emergono considerazioni interessanti.
L'inglese del video è semplice, anche perchè viene tradotto in tempo reale in polacco per la platea del seminario. Non è utilizzata matematica (e la cosa mi scoccia un po'), ma tanti grafici abbastanza intuitivi (posto gli screenshot più rilevanti).

Provo a raccontare la lezione.

Il Dr Mitchell inizialmente descrive il concetto di sovrasaturazione (supersaturation), ovvero la maggiore tensione di inerte a livello tissutale rispetto l'ambiente esterno: tanto più la saturazione eccede quella ambientale, quanto più si rischia di incorrere in MDD. Di questa parte mi ha colpito l'area di sovrasaturazione, definita dal delta tra pressione tissutale e quella ambientale per il tempo necessario a degassificare. Purtroppo nella lezione non viene mostrata la funzione da integrare per ottenerla. Il fermo immagine al 27esimo minuto ci regala il grafico della sovrasaturazione sui 16 tessuti di un ZHL16 (Zurigo - 16 tessuti).

Il grafico con pressione tissutale (y) ed ambientale (x) ci accompagna dal 29esimo al 59esimo minuto. Sullo stesso vengono plottati entrambi i profili (Buhlmann e VPM). Dalla loro sovrapposizione si capisce che il VPM predilige soste più numerose, brevi, e più in profondità, generando una spezzata che mai si avvicina troppo al limite di sovrasaturazione.
Effetto similare si ottiene "forzando" il Buhlmann con un LGF (Low Gradient Factor) impostato su valori molto bassi 10, 20 come nell'esempio (20/90). Ricreare deep stop tipo VPM su un Buhlmann è una pratica abbastanza diffusa tra i tecnici, come ci racconta Mitchell. Lo screenshot del 50esimo minuto è proprio sul GF.

Ma la convinzione di effettuare soste fonde è supportata da basi scientifiche?
Tre studi ci dicono di no (elenco in calce).

Su tutti il NEDU study (U.S. Navy Experimental Diving Unit (NEDU) uno degli studi più approfonditi di sempre sulla decompressione. Reso pubblico nel 2011 ha dato una bella spallata ai modelli a bolle.
Con il VPM, su 198 tuffi in aria a 52mt per 30', 10 (5%) hanno presentato segni più o meno importanti di MDD.
Con Buhlmann scendiamo a 3 su 192, ovvero circa 1,5%.
Sulla significatività statitistica mi è sorto qualche dubbio, confermato da un articolo proprio sulla potenza del test (nei link alla fine). Va comunque detto che le differenze ci sono, anche se la pericolosità delle prove ha sconsigliato frequenze più significative.
Ma cosa è andato storto nel modello a tappe fonde?
Le evidenze rilevate dagli ecodoppler ci mostrano una maggiore sovrasaturazione dei tessuti lenti per il modello a tappe profonde.
L'iniziale vantaggio per i tessuti veloci è più che compensato dal peggioramento di quelli lenti.
Il dato più impressionante è che all'aumentare del grado di conservativismo la saturazione di Azoto rimane alta. Il VPM - B +7 infatti non migliora di molto le cose.

Si passa quindi ad un confronto tra sovrasaturazioni, ovvero tra le aree definite dalla sovrappressione tissutale ed il tempo. Quindi delta (pTessuti-pAmbiente) x durata = mB/min (milliBar per minuto).
Questo valore è considerato uno stimatore corretto del rischio di formazione di bolle, pertanto di MDD.
Il modello delle deep stop, coerentemente con i risultati precedenti, mostra un'area costantemente maggiore del ZHL16C.

Ora qualcuno potrebbe obiettare: ma non si parla di miscele per immersioni tecniche, quindi di Trimix. La combinazione di Elio ed Ossigeno è considerata addirittura terapeutica per alcuni cicli in camera iperbarica, per cui in tuffi tecnici le deep stop dovrebbero riguadagnare lo scettro.
Invece no, Mitchell tratta anche il caso di tuffi più estremi di quelli considerati nel NEDU.
L'esempio è condotto su un'immersione ad 83mt per 20' con CCR SetPoint ad 1,2 e bottom gas 10/50. Viene paragonato un VPM-B +4 con un ZHL16C GF 40/74.
Anche in questo caso l'ecodoppler traccia una maggiore sovrasaturazione per il VPM-B. L'analisi dell'area mB/min è ancora più chiara: decresce da VPM-B +4 a ZHL16C GF 10/82 a GF 40/74 fino a GF 66/66 (per chi si fosse perso: tanto più il primo numero di GF è basso, quanto più si prediligono le soste fonde).
Quindi sembrerebbe che la sovrasaturazione diminuisca non solo passando da VPM-B a ZHL16C, ma anche da LGF bassi a LGF elevati (quindi tappe più superficiali).

L'ultimo studio citato vede la partecipazione del Dottor Pasquale Longobardi, uno dei medici iperbarici più stimati in Italia.
Il titolo: A comparative evaluation of two decompression procedures for technical diving using inflammatory responses: compartmental versus ratio deco
Si confronta ratio deco (deep stops) con Buhmann GF 35/80 (l'impostazione che preferisco sul mio Shearwater).
Lo studio di Spisni/Longobardi prevede un singolo tuffo a 50mt per 25' in Trimix con 2 decompressive (EAN50+Oxy). 23 subacquei con ZHL16C GF 35/80 e 28 in Ratio deco.
Le microembolie gassose venose sono misurate 30 minuti dopo l'immersione utilizzando l'ecocardiografia 2D, inoltre il sangue periferico per il rilevamento dei marker infiammatori è raccolto prima e 90 minuti dopo l'immersione.
Le conclusioni (tradotte): "La strategia ratio deco non ha conferito alcun beneficio in termini di bolle, ma ha mostrato lo svantaggio dell'aumentata secrezione associata alla decompressione di chemochine infiammatorie coinvolte nello sviluppo del danno vascolare."
Anche in questo caso i risultati sono sfavorevoli alle tappe più fonde (la Ratio deco le predilige). Anche quando confrontate ad un GF 35/80, ovvero ad un ZHL16C "forzato" al 35% della massima sovrasaturazione in profondità.

Coerentemente con il paper, la SIMSI (Società Italiana Medicina Subacquea ed Iperbarica), al 2019 raccomanda un GF di 50/80. Non proprio un'invito alle tappe fonde.

Il Dr Mitchell passa quindi alle conclusioni riassumibili in:
- gli studi dimostrano che i modelli a bolle sovrastimano l'importanza delle soste profonde. - al momento non è possibile valutare l'entità di questa sovrastima

Personalmente ho trovato la lezione illuminante. Anch'io ho una predilezione per le tappe profonde ma, dopo simili evidenze, mi adeguerò alle raccomandazioni del SIMSI modificando il GF del mio Shearwater Perdix da 30/85 a 50/80 (di default è settato su 30/70). Ovviamente, a seconda del tuffo, adatterò i due valori in un intorno ragionevole. Se dovessi imbattermi in nuovi studi rivedrò le mie convinzioni, esattamente come ha onestamente ammesso il Dr Mitchell.

Alla prossima

_________________

https://youtu.be/nIO9qI5XODw

1) Bubble incidence after staged decompression from 50 or 60 msw: effect of adding deep stops
Jean-Eric Blatteau et al. Aviat Space Environ Med. 2005 May.

2) High incidence of venous and arterial gas emboli at rest after trimix diving without protocol violations
Marko Ljubkovic et al. J Appl Physiol (1985). 2010 Dec.

3) THE NEDU STUDY: REDISTRIBUTION OF DECOMPRESSION STOP TIME FROM SHALLOW TO DEEP STOPS INCREASES INCIDENCE OF DECOMPRESSION SICKNESS IN AIR DECOMPRESSION DIVES.
Navy Experimental Diving Unit (2005).

Link:

https://www.researchgate.net/publication/7847959_Bubble_incidence_after_staged_decompression_from_50_or_60_msw_Effect_of_adding_deep_stops

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20813975/

THE NEDU STUDY
https://gue.com/blog/nedu-deep-stop-summary/

STATISTICS OF THE NEDU STUDY
http://www.josephcaruana.co.uk/diving/2018/05/16/discussion-of-the-statistics-behind-the-nedu-study-on-the-redistribution-of-decompression-stop-time-from-shallow-to-deep-stops/

A comparative evaluation of two decompression procedures for technical diving using inflammatory responses: compartmental versus ratio deco

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28357819/

Decompressione all’italiana by SIMSI

https://simsi.it/il-periscopio-pasquale-longobardi/decompressione-allitaliana-by-simsi/

Qualche scatto subacqueo di Giannutri 🌊

Zitto e nuota 🐟🐟
#diving #sub #sealife #argentario #sealovers #fish #scorfano #subacquea #tuscany #beautiful #instagood #instalike

☑️ nitrox base
#fipsas #diving #argentario #argentariodivers #underwater #sealife #sealovers #nitrox #dan #cmas #havefun

Corso nitrox completato👌

Isola di Giannutri per l'uscita nitrox🌊
#fipsas #cmas #giannutri #toscana #sealife #sealovers #beautiful #diving

Uscita del corso nitrox e successivo brindisi per i nuovi brevettati🍺
Complimenti a tutti!🥳🥳🥳🥳

Gruppo Archeosub Labronico

❤️👁👁👁👁👁👁

Secche di Vada

🔊🔊🔊🔊 Riunione staff per l'organizzazione dell'imminente inizio della nuova stagione!!

Jumping into the weekend like...

#cernia #diving #scubadiving #sub #sealife #subacquea #sealovers #sealife #instagood #instalike

Serata di presentazione del corso P1🌊

#fipsas #diving #dan #sub #subacquea #nuovoinizio #corsi #firenze #piscina #instalike #instagood #cmas

Presentazione corsi P1 FIPSAS - primo livello

Tutto pronto per la serata di oggi!

🔊Per chi non potrà partecipare di persona, il nostro staff provvederà a trasmettere la serata in diretta facebook a partire dalle h21!

📱 Stay tuned!!

rainews.it

La storia che riaffiora dal mare - TGR Toscana

rainews.it Al largo del golfo di Baratti ritrovata una nave di epoca romana con il suo carico di decine di anfore

Belli siamo belli quasi da locandina !

Prima presentazione dei corsi sub 2020-2021

Maggiori info su: https://www.csdsub.com/inizio-corsi-sub-2020-2021/
#nuovoinizio
#diving #corsi #fipsas #cmas #dan #sub #subacquea

csdsub.com

Corsi Sub 2020-2021: inizia la stagione - Centro Subacqueo Didattico

📢 29 Settembre ore 21:00 presso l’aula didattica del C.S.D. in Via Arno, 47 – Sesto Fiorentino (FI), si aprirà la prima presentazione dei corsi sub 2020-2021, dove istruttori e staff vi incontreranno con i nuovi per condividere la loro passione: la subacquea.

csdsub.com Corsi sub 2019-2020 del C.S.D. Centro Subacqueo Didattico: corsi sub P1 (fino a 18 metri), corsi sub P2 (fino a 30 metri),allenamento di Apnea e Subacquea

Un altro P1 concluso con le immersioni a Livorno🤩

Congratulazioni a tutti i neo brevettati e un ringraziamento a tutto lo staff che li ha seguiti con costanza tutto l'anno😎

Grazie a @tmx.drago per la foto
#scubadiving #diving #sea #sealovers #sealife #fish #fipsas

Alcune immagini dell'uscita del corso P1 🤩

Barracuda allo scoglietto
#barracuda #sea #underwater #elba #diving #fun #beautiful #goodvibes #life #instagood #instalike

Uscita finale corso P1

Complimenti ai nostri P1 che hanno completato il corso con queste splendide uscite da Baratti!
Ringraziamo inoltre il nostro staff per l'organizzazione

Uscita p1 2019/20

Maduro Dive

Happy #WorldTurtleDay 🌎🐢🤙🏽 By @bayday808

Maduro Dive

https://www.facebook.com/308384182562150/posts/3014986568568551/?vh=e

You and who drift diving in the washing machine in the Bahamas 😆🤙🏽 TAG your squad‼️
.
By @allstarliveaboards

Ragazzi state tranquilli !

Oceana

Dumbo octopuses are rarely seen. They are the deepest living of all known octopuses, living at depths of at least 13,100 feet and perhaps deeper. 🐙 Learn more about the dumbo octopus: https://bit.ly/35IMiZO

Footage via Nautilus Live

vimeo.com

Giannutri 20-6-20

https://vimeo.com/432123351

vimeo.com This is "Giannutri 20-6-20" by Alessandro Abati on Vimeo, the home for high quality videos and the people who love them.

E da oggi... Si riparte anche sott'acqua!😍

Si ritorna in piscina!
Un piccolo passo verso la normalità!!!! 😁😁😁😁

zoom.us

Join our Cloud HD Video Meeting now

Centro Subacqueo Didattico is inviting you to a scheduled Zoom meeting.

Topic: Immersioni tecniche: come quando e perché!
Time: Jun 11, 2020 09:00 PM Rome

Join Zoom Meeting
https://zoom.us/j/99867290031?pwd=U3I0SWZBdlk2Nmd3OUxRdE5lTzJzZz09

Meeting ID: 998 6729 0031
Password: csd2244

zoom.us Zoom is the leader in modern enterprise video communications, with an easy, reliable cloud platform for video and audio conferencing, chat, and webinars across mobile, desktop, and room systems. Zoom Rooms is the original software-based conference room solution used around the world in board, confer...

Vuoi che la tua azienda sia il Palestra più quotato a Florence?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Video (vedi tutte)

Uscita finale corso P1
Ready for... Night Dive!
Immersione 2/06 Elba

Ubicazione

Telefono

Indirizzo


Piazza Enrico Berlinguer, 2 - C/O Piscina Comunale Costoli
Florence
50137

Orario di apertura

Lunedì 21:00 - 23:00
Martedì 21:00 - 23:00
Giovedì 21:00 - 23:00
Altro Locali sportivi e stadi Florence (vedi tutte)
Palasport Palasport
Florence

FM Boss FM Boss
Florence

"Gioca con vincitori .Pluribus Anum"

Club Scherma Firenze Club Scherma Firenze
Via Santa Maria A Cintoia, 8
Florence, 50145

Il Club Scherma Firenze A.S.D. è stato costituito il 9 luglio 2012, è affiliato alla Federazione Italiana Scherma ed al CONI.

Enne Effe Tennis Florence Enne Effe Tennis Florence
Via Del Filarete 11
Florence, 50143

Corsi di tennis per bambini, ragazzi e adulti di tutti i livelli, con insegnanti certificati F.I.T. - Contattaci per maggiori informazioni!

G.S. Artigianelli Karate G.S. Artigianelli Karate
Via Dei Serragli 104-110int.
Florence, 50124

Gruppo Sportivo Dilettantistico per la pratica e l'insegnamento del Karate Shotokan.

Centri estivi firenze sud impianti sportivi Centri estivi firenze sud impianti sportivi
Via Villamagna 41 A Giardini Anconella
Florence, 50126

centri estivi firenze sud impianti sportivi scuola calcio

San Donnino Calcio San Donnino Calcio
Via Delle Molina
Florence, 50013

Keysi Firenze Keysi Firenze
Via Ragazzi Del 99, 59
Florence, 50141

La Prima scuola a Firenze del metodo KEYSI by JUSTO DIEGUEZ

Hippony Club Hippony Club
Via Delle Due Case
Florence, 50127

Scuola di equitazione e pony games per imparare divertendosi

Invictus WorkOut Firenze Invictus WorkOut Firenze
Florence, 50100

Primo campo di addestramento WorkOutRace Firenze. INVICTUSRACE

Firenze Stadio Comunale "Artemio Franchi" Firenze Stadio Comunale "Artemio Franchi"
Viale Manfredo Fanti, 4
Florence, 50137

Juve merda Juve merda
San Vincenzo
Florence