Kosen Firenze Judo

Scuola di Judo Tradizionale Insegnante Alberto Mirabella 6° Dan Hanshi AISE Corsi di Judo per bambini, ragazzi e adulti. Orario corsi: Corso bambini principianti: mercoledì e venerdì dalle 17:00 alle 18:00 Corso bambini non principianti: lunedì dalle 17:00 alle 18:00 e mercoledì dalle 18:00 alle 19:00 Corso ragazzi scuola media: lunedì e venerdì dalle 18:00 alle 19:00 Corso base adulti: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 19:00 alle 20:00 Corso avanzato adulti: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 20:00 alle 21:30 Corso adulti matttina: martedì e giovedì dalle 11:00 alle 12:00 Corso Judo light: sabato dalle 9:00 alle 10:00 Corso di spada giapponese: sabato dalle 18:00 alle 19:00 Allenamenti speciali la domenica mattina dalle 10:00 alle 12:00

Normali funzionamento

Busen Firenze

Kangeiko 2021 - “l’offerta del nulla” - Yudanshakai Firenze

Anche quest’anno abbiamo aperto l’allenamento speciale invernale con un allenamento comune.

E per quest’anno, più speciale che mai, proponiamo ai judoisti di praticare una settimana di Kangeiko da soli col corpo ma insieme nello spirito!

Ci ritroveremo in remoto per l’allenamento di chiusura domenica 9 gennaio.

kenzenichinyo.blog

La pratica della gentilezza nelle arti marziali

kenzenichinyo.blog Dal film "Ame Agaru" ( 雨あがる ) "Dopo la pioggia". Il protagonista è un ronin (ovvero un samurai solitario), che cerca un impiego fiss...

Yanagi Firenze Judo

Anche quest’anno lo stage invernale di Judo del nostro gruppo di Dojo della Toscana è stata un’esperienza veramente unica! ✨

Abbiamo fatto tanto Judo, iniziato a conoscere le arti marziali tradizionali indiane, guardato un documentario sull’ambiente, discusso, cantato e passato tanti bei momenti insieme.

Sono state tre giornate intense che difficilmente riusciremo a dimenticare. Grazie ai tanti ragazzi e alle tante ragazze da Firenze e da Siena, ma anche dal nord Italia e... a presto! ⛄

#Judo | #JudoFirenze | #JudoToscana

Culture Judo - 柔道文化

La Légende du grand judo

Titre original
Sugata Sanshiro

Réalisation
Akira Kurosawa

Scénario
Akira Kurosawa
Tomita Tsuneo

Acteurs principaux
Denjirô Ôkôchi
Susumu Fujita
Yukiko Todoroki
Takashi Shimura

97 minutes ramenée à 80

Sortie
1943

La Légende du grand judo (Sugata Sanshiro) est un film japonais réalisé par Akira Kurosawa, sorti en 1943. Tourné à Kyōto, c'est le premier long métrage de son auteur.

Synopsis
En 1882, le jeune Sanshiro Sugata veut apprendre l'art ancestral du ju-jitsu, mais il découvre le judo et en devient immédiatement un adepte. Cette nouvelle discipline attire rapidement la méfiance et la jalousie des écoles de jiu-jitsu. L'école de judo est défiée par des écoles de jiu-itsu de la ville. Sanshiro Sugata est désigné par son maître pour la représenter.

Fiche technique
Titre original : Sugata Sanshiro (姿三四郎)
Titre français : La Légende du grand judo
Titre anglais : Judo Saga
Réalisation : Akira Kurosawa
Scénario : Akira Kurosawa, d'après le roman de Tsuneo Tomita
Musique : Seiichi Suzuki
Photographie : Akira Mimura
Montage : Toshio Goto et Akira Kurosawa
Production : Keiji Matsuzaki
Société de production et de distribution : Toho
Pays d'origine : Japon
Langue : japonais
Format : noir et blanc - 1,37:1 - Mono - 35 mm
Genre : drame, action
Durée : 97 minutes ramenée à 80 à la suite de la censure japonaise
Date de sortie : 25 mars 1943 (Japon)
Licence : domaine public depuis juillet 2006

Distribution
Denjirō Ōkōchi : Shogoro Yano
Susumu Fujita : Sanshiro Sugata
Yukiko Todoroki : Sayo Murai
Ryūnosuke Tsukigata : Gennosuke Higaki
Takashi Shimura : Hansuke Murai, le père de Sayo
Ranko Hanai : Osumi Kodana
Sugisaku Aoyama : Tsunetami Iimura
Ichirō Sugai : le chef de la police Mishima
Yoshio Kosugi : le maître Saburo Kodama
Kokuten Kodo : le prêtre bouddhiste
Michisaburō Segawa : Wada
Akitake Kōno : Yoshima Dan
Shōji Kiyokawa : Yujiro Toda
Kunio Mita : Kohei Tsuzaki
Akira Nakamura : Toranosuki Niiseki
Eisaburō Sakauchi : Nemeto
Hajime Hikari : Torakichi

Autour du film
Lors de la réalisation du film, Akira Kurosawa subit des pressions du pouvoir japonais pour insérer des éléments de discours nationaliste alors diffusé par le gouvernement japonais engagé aux côtés de l'Allemagne nazie dans la seconde guerre mondiale. Lors d'une interview(1), Akira Kurosawa dit avoir essayer de ne pas le faire.
Après sa sortie, le film a été amputé de 17 minutes par la censure japonaise. Cette partie n'a jamais été retrouvée. Jugé trop proche du sentimentalisme occidental, le film doit son salut au soutien d'Ozu auprès des censeurs(2).
Le film a eu une suite en 1945, La Nouvelle légende du grand judo, toujours réalisée par Akira Kurosawa, ainsi que de nombreux remakes : Sugata Sanshiro, réalisé par Shigeo Tanaka en 1955, Sugata Sanshiro, produit par Akira Kurosawa et réalisé par Seiichiro Uchikawa en 1965, A Brave Generous Era, réalisé par Sadao Nakajima en 1966, Dawn of Judo, réalisé par Kunio Watanabe en 1970, ainsi que Sugata Sanshiro, réalisé par Kihachi Okamoto en 1977.

Notes et références
(1) extrait d'une interview donnée à la BBC présente sur le DVD "La légende du grand judo" édité par Arte Vidéo
(2) Olivier Rajchman, « Akira Kurosawa - L'esthète samouraï », Studio Ciné Live n°78,‎ avril 2016, p. 124

kenzenichinyo.blog

Il Judo non è sport

kenzenichinyo.blog Jigorō Kanō Pubblichiamo uno scritto del Maestro Cesare Barioli proposto al Congresso del 2010 "Educazione e Sport, Il caso del Judo...

Culture Judo - 柔道文化

Les Atemi dans le Judo.

Même si la pratique de l'Atemi-waza se rencontre plus dans la pratique du Jujitsu ou de la Self-défense, il ne faut pas oublier qu'au même titre que les Nage (projections) et les Katame (contrôle au sol), les atemi sont la troisième composante du Kodokan-Judo.

Culture Judo - 柔道文化

LA FAÇON DE SE METTRE À GENOUX N’EST PAS DUE AU PORT DU KATANA !!

En judo la transition de la station debout à la position à genoux se fait en mettant le genou gauche au sol en premier puis le droit. Pour se relever nous commençons par le droit puis le gauche. Cette forme est appelée Saza Uki. Mais contrairement à ce que l’on pourrait croire la raison n’est pas que les samouraïs portaient un sabre, et que de cette manière ils pouvaient conserver une certaine stabilité pour dégainer le Katana.

En réalité Kano portait peu d’importance à l’ordre des genoux au sol, ce qui lui semblait essentiel était surtout la forme du salut et ses intentions.

En effet, au Kodokan, l’ordre dés le début a été genou droit en premier au sol puis le gauche, et le gauche levé en premier puis le droit. Cette forme lui venait de l’école Kito Ryu branche Takenaka Ha et se nomme Uza saki.

A cette période chaque école avait sa façon de passer à genoux voici quelques exemples :

Sekiguchi Ryu - sonkyo (saza uki)
Tenshin Shinyo Ryu - assis les jambes croisées (uza saki), Hira no kamae c'est se lever et s'asseoir immédiatement sans faire attention à gauche ou à droite, Hira no ichimonji (saza uki)
Kito Ryu branche Noda Ha (saza uki)
Kodokan - uza saki

Alors pourquoi nous effectuons cette transition dans le sens assis jambe gauche en premier, debout jambe droite en premier (Saza uki) ?

La forme Uza saki fut adoptée par le Kodokan en accord avec le Dai Nippo, Botoku Kai en Meiji 39 (1906). Mais cette façon de procéder ne fut officialisée par le Kodokan qu'au travers d’une publication le 1er Août 1940 (Showa 15).

En Avril 1941 (Showa 16) le Ministère de l’Education publie un texte sur les « Exigences d’étiquette ».

En Décembre 1942, le 24, le Kodokan prévient tous les apprentis en judo qu’à compter du 1er Janvier 1943 (Showa 18) la forme Saza uki serait la norme pour la transition debout, assis (assis jambe gauche en premier, debout jambe droite en premier). C’est donc la façon dont nous procédons aujour’hui mais qui n’est pas la méthode originale.

Bibliographie :
Transitions au sein de l’étiquette du Judo Kodokan, Naoki MURATA, International Budo Symposium

youtube.com

Soggetti a trasformazione - Dimostrazione Judo Educazione Firenze

youtube.com Così è se ci pare e Assessorato Università, Ricerca e Politiche Giovanili del Comune di Firenze presentano SOGGETTI A TRASFORMAZIONE. ESERCIZIO, QUOTIDIANITA...

kenzenichinyo.blog

Discorso sull'Educazione

kenzenichinyo.blog Nel mondo occidentale è offensivo suggerire a un adulto che la sua educazione è incompleta Educazione è insegnare ad affrontare l...

ASD Ōkami

Con gli occhi dei bambini....

Culture Judo - 柔道文化

Découvrir Tokio Hirano 7e Dan, échauffement et démonstration technique

kenzenichinyo.blog

Essere forti Per essere utili

kenzenichinyo.blog Il grande Jigoro Kano Sensei affermava che l'obiettivo primario della nostra Pratica dell'Arte Marziale è quella di 'ricercare il migli...

Judo y Prosperidad

"Kodokan se me ha escapado de la la manos" 🥋🇯🇵🤔

“El propósito del JUDO KODOKAN es la educación física, aprender a comportarnos en competencias, a cultivar la sabiduría y a aplicar los principios del judo en la vida diaria. El entrenamiento de judo construye el cuerpo, las competencias el espíritu. El espíritu de Judo consiste en perseverancia, autocontrol, buenos modales y respeto por los demás”.

“El propósito del JUDO KODOKAN es lograr que cada persona saque afuera lo mejor que tiene en su interior para permitirle tener una vida significativa y satisfactoria. En las competencias, la flexibilidad, la agilidad y los movimientos pulidos son preferibles a la fuerza bruta y a un uso excesivo de una musculatura sobredimensionada”.

“Las competencias deben conducirse de acuerdo a los más altos estándares morales de comportamiento; una competencia debe ser una experiencia de aprendizaje que mejore el carácter de una persona, y no una ocasión para fortalecer su ego. Esto es lo que he enseñado desde los inicios de Kodokan, pero cada vez menos estudiantes parecen escucharme”.

“El Randori no es hoy lo que yo intenté que fuera. Yo introduje la competencia en Kodokan como una herramienta educativa que les diera a los alumnos la oportunidad de probar sus habilidades mentales y físicas en un ámbito público. Desafortunadamente, estos eventos se han tornado cada vez más competitivos y ganar es hoy el factor más importante para la mayoría de los practicantes”.

“No he sido capaz de transmitir mis ideales a muchos de mis estudiantes, y existen lastimosamente muy pocos instructores que puedan transmitir los valores correctos de Kodokan. El Randori se ha convertido en una lucha de fuerza versus fuerza. Kodokan Judo se me ha escapado de las manos”.

Fuente: Memorias de Jigoro Kano, “El Propósito del Judo Kodokan” y “El deterioro del randori”, puntos 23 y 24.

Culture Judo - 柔道文化

Photo prise le 1er Janvier 1937 à son domicile.

Il gesto ritualizzato ci permette di esprimere lo Spirito del Rispetto.
Un gesto essenziale che ci fonde con il Tutto.
Un gesto unico, Shibumi nella sua essenza ed esteriorità, dove nulla si può aggiungere e nulla si può togliere.
Un gesto che continuamente ci “rimette in circolo” con l’Universo visibile ed invisibile. Un gesto che è attimo presente e che lega passato e futuro.
Nell’attimo noi siamo e nell’Esserci incarniamo quelli che sono stati e quelli che saranno.
Un gesto che ci richiama continuamente ad una amorevole presenza verso la maestosità della vita cosmica.
Un gesto che è goccia ed è mare allo stesso tempo.
Un gesto inoltre che ci immerge nell’assoluto relativo del nostro quotidiano.
Un gesto che scuote il nostro ego e ci apre ad una nuova avventurosa ignota dimensione.
Alberto

EducaJudo

Permettimi il Tu, Maestro, solo questa volta...
Permettimi di sedermi vicino a Te, senza mascherina, in un vagone di un vecchio treno...
Permettimi di osservare il Tuo sorriso sornione dinanzi ad un buon tea all'inglese...
Permettimi di chiederTi come hai fatto...senza travisazioni storiche...dimmelo in un orecchio, cosi' che io ne tragga ispirazione...
Dimmi come hai fatto a superare la diffidenza, ad ammorbidire la paura, a tracciare un nuovo passo...
...a parlare coi vertici, a convincerli, a girare il mondo, costruendo valore, speranze, futuro...
Dimmi, Maestro, come hai fatto a superare le guerre visibili e quelle invisibili?
Come hai fatto a superarne i postumi?
Oggi che e' il Tuo compleanno, fai Tu un regalo a me...
Dimmi, Maestro, come hai fatto?
Dimmelo in un orecchio...
Ascoltero'...
#worldjudoday
#educajudo_official
#educajudomag
#kanojigoro
#160anni
Www.educajudo.it/mag

Kosen Firenze Judo

Il nuovo Dpcm ci impone la chiusura del Dojo. Le lezioni del Kosen andranno comunque avanti on line.
Invito tutti i nostri soci a partecipare con entusiasmo e collaborazione.
Il Judo è e resta Il Miglior Impiego dell’Energia e nonostante tutto abbiamo l’opportunità di continuare a progredire insieme.
Combattere significa anche e soprattutto affrontare con entusiasmo le difficoltà che la vita ci invia.
Anche se non è facile possiamo trasformare questo momento in una ulteriore opportunità di crescita . Quindi affrontare con serenità ed entusiasmo questa avventura che ci è venuta incontro.
Verranno venti migliori, ma per ora si rema in questa calma piatta!
Tai otoshi
Alberto

Il nuovo Dpcm ci impone la chiusura del Dojo. Le lezioni del Kosen andranno comunque avanti on line.
Invito tutti i nostri soci a partecipare con entusiasmo e collaborazione.
Il Judo è e resta Il Miglior Impiego dell’Energia e nonostante tutto abbiamo l’opportunità di continuare a progredire insieme.
Combattere significa anche e soprattutto affrontare con entusiasmo le difficoltà che la vita ci invia.
Anche se non è facile possiamo trasformare questo momento in una ulteriore opportunità di crescita . Quindi affrontare con serenità ed entusiasmo questa avventura che ci è venuta incontro.
Verranno venti migliori, ma per ora si rema in questa calma piatta!
Tai otoshi
Alberto

EducaJudo

. 👪VORREI CHE TU SAPESSI...
ECCO IL MANIFESTO DEL JUDO PER LE MAMME E LE FAMIGLIE.
WWW.EDUCAJUDO.IT/MAG
#EDUCAJUDOMAG

Vincenzo Spadafora
Giuseppe Conte
Fijlkam Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali
#Judo #safejudo #judoinsicurezza #difendiamoilfuturo #rispetto #dojo #dojoluogosicuro #anticovid

Vincenzo Spadafora

Lo sport è salute, promuove corretti stili di vita e tutela il benessere psico-fisico in ogni suo aspetto e a tutte le età.

Il mondo sportivo è stato tra i più colpiti durante il lockdown e nelle settimane successive: è stato tra gli ultimi settori a riprendere, soprattutto lo sport di base, e ancora i numeri della ripresa non sono minimamente paragonabili a quelli precedenti la pandemia.

Abbiamo fatto ogni sforzo possibile, operato a sostegno del settore con misure e risorse mai viste prima, assicurato bonus a una categoria di lavoratori finora invisibile, previsto sostegni a fondo perduto. Stiamo per attivare un fondo per alleggerire le spese derivanti dai nuovi obblighi di igienizzazione e sanificazione, al fine di tutelare l’enorme valore economico e sociale dello sport per tutti.

Ne siamo talmente convinti che faremo di tutto affinché lo sport, con tutti i benefici che comporta, non si fermi di nuovo. Anche se questo implica una maggiore consapevolezza e una maggiore responsabilità da parte di tutti nel rispetto delle regole, dentro e fuori i campi sportivi.

L’analisi svolta dal Comitato Tecnico Scientifico delle curve dei contagi e degli altri indicatori sensibili ha imposto al Governo la necessità di prendere scelte difficili, proporzionate, ragionevoli. Tutti i settori risentiranno di una stretta.

Nel nuovo DPCM abbiamo tutelato non solo lo sport professionistico ma anche quello dilettantistico: associazioni e società sportive, federazioni e enti di promozione hanno infatti dato prova di aver rispettato con rigore i protocolli emanati nelle scorse settimane, spesso anche affrontando spese di adeguamento e messa in sicurezza degli spazi e delle strutture.

Questo significa che le ragazze e i ragazzi iscritti a scuole o campionati potranno continuare le loro attività, ad esempio, anche per quanto riguarda il calcio, il basket, la pallavolo tra gli altri, fatto salvo il rispetto delle regole e la prudenza oggi necessaria in ogni aspetto della vita quotidiana. Nessun cambiamento invece per quanto riguarda l’attività delle palestre (già ben regolamentata) e la corsa, “ovviamente” senza mascherina.

Dal lato sportivo al momento si è deciso di fermare solo le attività amatoriali degli sport di contatto: per intenderci, le “partitelle” organizzate tra amici. Non che non abbiano importanza o non siano utili ma in un momento così difficile, e speriamo per un breve periodo, dobbiamo ritornare a fare qualche sacrificio.

Chiaramente tutto il settore, e chi subirà in modo più significativo queste scelte, continuerà a ricevere attenzione e sostegno nei prossimi provvedimenti economici, a partire dalla prossima Legge di Bilancio.

Ogni decisione presa dal Governo rispecchia la fotografia della situazione attuale: monitoreremo, come sta facendo il Cts da mesi, l’andamento delle prossime settimane per capire se sarà possibile tornare a giocare anche tra amici in modo amatoriale o se, speriamo di no, sarà necessaria un’ulteriore stretta.

Molto dipende da noi: non dimentichiamo la mascherina, scarichiamo Immuni, rispettiamo le norme e un po’ anche il buonsenso.

KONG

Giappone, prefettura di Kumamoto, alla stazione di Mukae-Machi, quattro vili esponenti della polizia militare americana, si accaniscono su uomini e donne in attesa nei pressi della banchina colpendoli a turno con violenza.

È l'estate del 1946 e nel Giappone presidiato dalle forze occupanti statunitensi, gli episodi di prepotenza ai danni dei cittadini nipponici sono all'ordine del giorno.

La dialettica brutale ed ineluttabile del vincitore che infierisce sul vinto si perpetra ancora una volta, ben oltre le ragioni della contesa, della guerra e della politica, come sempre ovunque ad alcuni uomini è dato esprimere le marce dinamiche del dominio sui propri simili.

Ad aspettare il suo turno per salire in carrozza però quel giorno c'è anche un certo Masahiko Kimura e quando gli uomini in divisa fanno per mettergli le mani addosso, ricevono una brusca quanto inattesa reazione in risposta.
Ne segue un alterco ed i quattro americani decidono di portare il nipponico reticente al centro del vicino ponte di Nagaroku, probabilmente per sistemare la faccenda lontano da occhi indiscreti.

A quel punto Masahiko si muove rapido e deciso: afferra il primo avversario per il bavero e gli tira un calcio ai genitali facendolo crollare sul colpo, poi di scatto si gira e proietta nel fiume con un seoi-nage il soldato che lo attacca alle spalle impugnando un coltello e prima che potessero abbozzare una reazione, sistema gli altri due increduli predatori, divenuti di colpo prede, con una testata ed una implacabile stretta ai testicoli.

Quest'ultima mossa, scrive Kimura nel suo libro “My Judo”, costituisce una sua specialità dai tempi delle scuole superiori tanto da valergli il titolo di “Master Groin Squeezer”.

Una settimana dopo una macchina della polizia militare statunitense si presenta di fronte casa sua, il judoka teme il peggio ma quello che gli si para davanti come il Capitano Shepard, lo ringrazierà per aver sistemato quelle che lui stesso considera mele marce e gli chiederà di insegnargli la terribile arte del Judo.

Vuoi che la tua azienda sia il Palestra più quotato a Florence?

Clicca qui per richiedere la tua inserzione sponsorizzata.

Video (vedi tutte)

Ubicazione

Telefono

Indirizzo


Via Federico Confalonieri, 20
Florence
50133
Altro Palestre Florence (vedi tutte)
Accademia Schermistica Fiorentina Accademia Schermistica Fiorentina
Viale Malta, 4
Florence, 50137

Costruiamo giovani schermitori.

BodyCode System BodyCode System
Via Lambertesca, 16
Florence, 50122

BodyCode System: l’equilibrio della forma, l’armonia della mente Un metodo innovativo per valorizzare le proprie potenzialità

IoSonoViolaScuro IoSonoViolaScuro
Via Firenze
Florence, 50135

CANALE YOUTUBE UFFICIALE: http://www.youtube.com/user/lorenzoDDita

Palestra San Niccolò Palestra San Niccolò
Via San Miniato 6
Florence, 50125

La Palestra San Niccolò è aperta ad adulti, ragazzi e bambini interessati allo sport ed a uno stile di vita attivo e sano.

Stone Monkey - Arrampicata Sportiva Firenze Stone Monkey - Arrampicata Sportiva Firenze
Via Alessio Baldovinetti 1/a
Florence, 50143

Dal 2004, il luogo dove condividere la passione per l'arrampicata sportiva

Kodokan01 Kodokan01
Via Magellano, 11
Florence, 50127

La Palestra Kodokan01 è un Centro di quasi 5000mq tra spazi interni ed esterni. Principale Scuola di Arti Marziali e Sport da combattimento della Toscana.

Nutrition Center Nutrition Center
Via P Nenni
Florence, 50028

Esperti di alimentazione allenamento e pt forniamo piani alimentari integrativi e di allenamento su misura per ogni esigenza. vendita integratori

Swan Gymnastic Center Swan Gymnastic Center
Via Dei Pepi N.28
Florence, 50122

Palestra con macchine cardio e isotoniche, sala pesi liberi , con possibilità di concordare allenamenti personalizzati e sala corsi . Vedi le nostre attività dettagliatamente su www.palestraswan.net .......

Palestra Estetica Linea 7 Seychelles Snc. Di Gensini Maria & C. Palestra Estetica Linea 7 Seychelles Snc. Di Gensini Maria & C.
4/a, V. Francavilla
Florence, 50142

Benvenuti nella pagina. [email protected], Tel. 0039055700669, www.paginegialle.it/palestraesteticalineasette

ASSI Giglio Rosso 1922 ASSI Giglio Rosso 1922
Viale Michelangiolo 64
Florence, 50125

Nel cuore di Firenze, tra piazza Ferrucci ed il piazzale Michelangelo, un'impianto polivalente con una pista di atletica, sei campi da tennis, un campo da calcio cinque e un centro fitness. Aperto sette giorni su sette.

La Valle Equitazione La Valle Equitazione
Via Nuova Del Mulino, 32
Florence, 50141

situata a circa 7 chilometri dal centro di Firenze, è la struttura ideale sia per chi desidera avvicinarsi al mondo dell’equitazione,sia per chi vuole arrivare all’agonismo.

Sbaffo Cafe Sbaffo Cafe
Via Giambattista Lulli, 62/A
Florence, 50144

Sbaffo Cafè si trova all'interno della palestra Klab Evolution di Firenze. È il luogo perfetto dove rifocillarsi al meglio prima e dopo gli allenamenti.